METEO
BORSA
23/10/2018 12:45
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale

Pg in aula: «Cucchi torturato come Regeni»

Chiesti 4 anni per il primario Aldo Fierro e 3 anni e mezzo per gli altri quattro medici dell'ospedale Pertini: «Stefano ucciso da servitori dello Stato in camice bianco»

«Stefano ucciso da servitori dello Stato in camice bianco». Questo uno dei passaggi centrali della requisitoria del Pg Eugenio Rubolino, intervenuto in aula per chiedere che venga ribaltata la sentenza assolutoria e condannare i cinque medici dell'Ospedale 'Pertini' di Roma che ebbero in cura Stefano Cucchi per omicidio colposo, senza alcuna attenuante generica.

Nel processo d'appello bis per la vicenda della morte di Cucchi, il geometra romano arrestato il 15 ottobre 2009 perché trovato in possesso di sostanza stupefacente e morto una settimana dopo in ospedale, Rubolino ha dunque detto: «Stefano Cucchi è stato vittima di tortura come Giulio Regeni, ed è stato pestato, ucciso quando era in mano dello Stato, ucciso da servitori dello Stato in camice bianco. Occorre restituire dignità a Stefano e all'intero Paese. Bisogna evitare che muoia una terza volta».

I medici che avevano in cura Stefano Cucchi presso il reparto di medicina protetta dell'ospedale Pertini «non fecero né diagnosi né terapia». «Vi fu un'emergenza cardiovascolare da trattare in terapia intensiva e invece non si è fatta una diagnosi, non si è nemmeno controllato il battito cardiaco - ha aggiunto il magistrato, sottolineando le scarse cure ricevute dal paziente -. Gli imputati non solo sono lontani dal formulare una corretta diagnosi ma anche semplicemente dall'adoperarsi a farne una».

In particolare, il rappresentante dell'accusa ha chiesto di condannare Aldo Fierro (il primario del reparto detenuti del 'Pertinì dove Cucchi morì) a 4 anni di reclusione; e i medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo a tre anni e mezzo ciascuno. In primo grado avevano avuto 2 anni il primario e un anno e quattro mesi ciascuno gli altri medici. Per i cinque medici, nel dicembre scorso la Cassazione ha annullato l'assoluzione disponendo un nuovo giudizio d'appello per l'accusa di omicidio colposo. Nella stessa occasione i Supremi giudici sentenziarono la definitiva assoluzione di tre agenti della polizia penitenziaria, di tre infermieri e di un sesto medico.

08-06-2016


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy