METEO
BORSA
20/10/2017 09:06
Enel
CULTURA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Un pizzico di Unità con la nascita di Strisciarossa

Sotto la guida di Pietro Spataro, già Vicedirettore dell’Unità, nel sol leone d’agosto è nato un nuovo laboratorio d’informazione giornalistica e culturale, dal nome “strisciarossa”, riunendo sotto la sua ala molti giornalisti che avevano lavorato per l’Unità, ma non solo. Di recente, infatti, ha aderito, tra i vari collaboratori, Michele Ciliberto, Professore emerito alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove insegna storia della filosofia moderna e contemporanea.

Il nucleo centrale del progetto è espresso nel primo sottotitolo d’avvio al sito di strisciarossa.it, lanciato il 2 agosto sia sulla pagina Facebook che sull'accountTwitter:

l’informazione svolta a sinistra”.

“Una sinistra che deve diventare più larga possibile, unitaria, inclusiva, non settaria, articolata nelle sue sensibilità ma ferma nei suoi convincimenti e nella sua radicalità”, si legge.

L’idea è quella di aprire un nuovo spazio pubblico d’informazione per tutti quelli coloro che vorranno avere spunti di riflessione sul panorama della sinistra, entrando in un luogo di confronto, di conoscenza, di ricostruzione, attraverso i fondamentali principi che hanno costruito la base e l’archetipo dell’ispirazione unitaria della sinistra:

il lavoro, l’immigrazione, il conflitto sociale, le pari opportunità, la formazione, l’innovazione condivisa, una nuova idea di Europa, gli squilibri mondiali, la questione ambientale, i diritti e le libertà, le culture che animano i pensieri e la ricerca scientifica che apre nuove frontiere.”

Già il nome scelto segna la contaminazione culturale d’apertura, quasi a grandangolo, e, quindi,“il doppio significato”, come spiega Pietro Spataro:

da un lato, è la stessa striscia rossa che sottolineava la testata del quotidiano l’Unità, e, dall’altro, il simbolo di un punto di vista preciso, di un’informazione schierata ma aperta e di ricerca. La striscia rossa è infatti volutamente non finita, come se fosse lo spunto per un viaggio da costruire insieme.

Al momento è visibile solo su facebook (“Strisciarossa) e twitter (@striscia_rossa) con alcuni articoli di approfondimento già pubblicati, ma a settembre si annuncia il lancio della piattaforma sul web, www.strasciarossa.it
I migliori auguri per questa nuova avventura.
Alberta Sagna
13-08-2017

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy