METEO
BORSA
16/12/2017 00:30
Enel
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Rosatellum, inizia il conto dei voti al Senato

Dopo il via libera alla Camera, la legge elettorale arriva a Palazzo Madama. Da martedì in Commissione, l'approdo in ula è previsto per il 24 o il 25 ottobre

Tra mercoledì e giovedì voto di fiducia in Aula alla Camera sulla nuova legge elettorale, il Rosatellum bis. Le prime due fiducie sono passate con i voti di Pd, Ap, Civici, Minoranze linguistiche, mentre FI e Lega sono usciti dall'Aula per marcare il loro accordo sulla legge. «No» secco da M5s, Mdp e Fdi.

Giovedì a Montecitorio, terza fiducia con 309 sì 87 no e 6 astenuti, poi voto finale segreto che arriva con 375 sì, mentre i no si sono fermati a quota 215. Hanno votato a favore Pd, FI, Ap, Lega Nord, Civici e Innovatori, Psi, Udc, Direzione italia, Ala-Scelta civica, Des-centro democratico. Contrari M5S, Mdp, Sinistra italiana, Fdi e Alternativa libera. Dopo il via libera finale di Montecitorio la legge elettorale arriva al Senato. Da martedì in Commissione, mentre l'approdo nell'Aula è previsto per il 24 o il 25 ottobre. Prima dell'arrivo della legge di stabilità. Tre fiducie come alla Camera e poi il voto definitivo a scrutinio palese.

Numerosi sono stati i calcoli sui possibili e probabili franchi tiratori del voto segreto che ha dato via libera alla legge elettorale, dopo l'esame degli
articoli 4 e 5 e la discussione sugli ordini del giorno. Voto segreto che è stato richiesto da Mdp, contrari alla legge. Mercoledì, nella prima fiducia si sono registrati 307 sì, 90 no e 9 astenuti, mentre nella seconda ci sono stati 308 sì, 81 no e 8 astenuti. Le astensioni sono arrivate da quanti nella maggioranza hanno definito «inopportuna» la fiducia, come alcuni deputati di Des-Cd o, nel Pd, Gianni Cuperlo. Dissenso anche da Rosi Bindi, che ha votato la fiducia, ma dirà «no» alla legge nel voto finale. Giovedì, quarta fiducia e voto finale.

Matteo Renzi, ha ricordato che la fiducia sulla legge elettorale fu posta da De Gasperi nel 1953: «Si è parlato di fascistellum - ha attaccato - abbiamo una torsione verso l'assurdo di commenti che ci definiscono come fotocopia del fascismo. Ci rendiamo conto della gravità di questa violenza verbale? Il Rosatellun prevede collegi in misura inferiore al Mattarellum ma dove sia l'elemento fascista dei collegi sfugge».
13-10-2017

ARTICOLI CORRELATI
Rosatellum, sė a prime fiducie tra le proteste
Dal Senato via libera alla legge elettorale
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy