METEO
BORSA
16/12/2017 04:36
Ariano International Film Festival
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Fake news, è ancora scontro tra Pd e M5S

Di Maio invoca l'Ocse e si dice "vittima". Martina: «Inquietanti i rapporti che emergono tra Movimento 5 Stelle e Lega con alcuni siti globali di false notizie»

Continua lo scontro tra Pd e Movimento 5 Stelle sulla questione delle fake news. Dopo l'attacco di Renzi alla Leopolda, Di Maio si dice "preoccupato" e perfino "vittima" lui stesso delle bufale online, ma i dem lo attaccano a testa bassa.

«Bisogna stare molto attenti: quando io vedo una fake news su un giornale, un tg o in rete non chiedo di chiudere la testata - argomenta Di Maio - . C'è la paura da quanto ho letto sul New York Times, che le fake news possano colpire l'esito delle elezioni politiche. Io propongo a tutto l'arco costituzionale, politico, di questo Paese di chiedere all'Osce di monitorare le prossime elezioni politiche». La replica a Di Maio e al Carroccio da parte del Partito democratico arriva per bocca del vicesegretario e ministro Maurizio Martina: «Trovo inquietanti i rapporti che emergono tra Movimento 5 Stelle e Lega con alcuni siti globali di false notizie. Cosi si inquina la democrazia a danno dei cittadini». Ancora più esplicita è Alessia Morani: «Caro Di Maio intanto cominciate a chiudere i siti satellite del M5S tipo 'Tze Tze', 'La Fucina' ed 'Il grande cocomero'».
26-11-2017

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy