METEO
BORSA
19/06/2018 00:41
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Caso scontrini: 2 anni a Marino in appello

Nel mirino della procura di Roma ci sono 54 cene private che l'ex primo cittadino aveva saldato tra il 2013 e il 2015 con la carta di credito del Campidoglio

Colpo di scena nel processo all'ex sindaco Ignazio Marino per lo scandalo "scontrino gate", costatogli il posto in Campidoglio e il rinvio a giudizio per falso e peculato: dopo l'assoluzione in primo grado, sentenza ribaltata in appello.

Giovedì, infatti, la III sezione della Corte d'appello penale ha condannato a 2 anni l'ex primo cittadino per le 54 cene private che l'ex primo cittadino aveva saldato tra il 2013 e il 2015 con la carta di credito del Campidoglio, ascritte come "incontri istituzionali"
nei giustificativi di spesa. Ma per gli inquirenti, Marino avrebbe seso quei 12mila e 700 euro per cene private, con la moglie o con amici. I reati contestati a Marino sono falso e peculato, per la vicenda degli scontrini, e truffa, in relazione ai compensi per alcuni collaboratori fittizi della Onlus Imagine, da lui fondata.
11-01-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy