METEO
BORSA
24/06/2018 17:10
Zalando
ECONOMIA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
«La Ue sarà intransigente. Non molliamo»

Così il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, che in mattinata ha incontrato a Bruxelles la commissaria comunitaria Vestager per il caso Embraco

Martedì, il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, è volato a Bruxelles per cercare di bloccare il progetto della Embraco di spostare le linee produttive in Slovacchia, mettendo così a repentaglio centinaia di posti di lavoro nel nostro Paese. Un faccia a faccia con il ministro Vestager giudicato positivo dal ministro.

Sul tavolo dunque i cinquecento licenziamenti alla Embraco di Riva di Chieri, in Piemonte, quelli che continuano ad agitare lo scenario politico ed economico di queste giornate pre-elettorali. Per Calenda l'incontro «è andato bene», domani «la commissaria farà una conferenza stampa», ha «molto ben chiaro il problema» e «mi ha assicurato che la Commissione è molto intransigente nel verificare i casi segnalati in cui c'è un problema o di uso sbagliato o non consentito degli aiuti o, peggio, di aiuto di Stato per attrarre da Paesi che sono parte dell'Ue». Il responsabile dello Sviluppo Economico spiega poi: «Non molliamo, stiamo lavorando a tutti i livelli, lavoriamo qua, lavoriamo con Invitalia che è partita a fare una mappatura di progetti alternativi per l'industrializzazione, non si molla come è successo in casi di altre crisi prima di questa».
20-02-2018

ARTICOLI CORRELATI
Embraco licenzia, l'ira del ministro Calenda
 
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy