METEO
BORSA
23/10/2018 12:44
Zalando
SPORT
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Giro, partita da Gerusalemme la 101/a edizione

Il premier Netanyahu: «Emozionati. Ci felicitiamo che siano venuti ciclisti da tutto il mondo, incluso quello arabo». Bar Refaeli madrina. Dumoulin prima maglia rosa

Partito il Giro d’Italia, quest'anno edizione numero 101. Per la prima volta il via è avvenuto fuori dal continente europeo. E non a caso lo storico evento si è verificato a Gerusalemme, città sacra per le tre principali religioni monoteiste. La corsa rosa è stata aperta da una crono individuale di 9,7 chilometri.

Per le strade di Gerusalemme, dunque, i corridori sono sfreggiati a pochi metri dalla porta di Jaffa, dove poi è stata assegnata la prima maglia rosa, andata a Tom Dumoulin: per l'olandese una cronometro spaziale su Dennis (12'02" il distacco). Era stato lui a vestire l'ultima maglia rosa del 2017, è nuovamente lui a indossarla dopo la prima tappa del Giro 2018.

«Siamo molto emozionati per questa gara. E in particolare ci felicitiamo che siano venuti ciclisti da tutto il mondo, incluso quello arabo. Questo è un messaggio molto importante per Gerusalemme, la nostra città, città della pace» ha detto il premier Benyamin Netanyahu congratulandosi anche con la squadra israeliana al suo esordio «in una competizione che per la prima volta esce dall’Europa ed è qui in Israele». Sia il premier sia la moglie Sarah, in maglia rosa, hanno assistito alla partenza della cronometro.
04-05-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy