METEO
BORSA
23/10/2018 12:45
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Passanti accoltellati, torna la paura a Parigi

Un morto e otto feriti al grido di Allah Akbar. Macron: «La Francia paga ancora una volta il prezzo del sangue, ma non cede un millimetro ai nemici della libertà»

La polizia francese annuncia di aver arrestato anche i genitori del terrorista che sabato sera a Parigi, seminando il terrore tra i passanti, ha ucciso un passante di 29 anni e ferito altre quattro persone prima di essere abbattuto dalla polizia è un 21enne russo nato in Cecenia.

Immediata la reazione del presidente Emmanuel Macron: «La Francia paga ancora una volta il prezzo del sangue, ma non cede un millimetro ai nemici della libertà». Il giovane ha colpito al grido «Allah Akbar!» inseguendo col coltello insanguinato, rue Saint-Augustin, vicino all'Opera Garnier, una strada nota per i numerosi ristoranti, tutti affollati il sabato sera. A stretto giro è arrivata anche la rivendicazione dell'Isis, che attraverso il suo organo per la propaganda, Amaq, ha affermato che l'attacco è stato messo a segno da «un soldato» dello Stato islamico. L'uomo ha affrontato gli agenti gridando «uccidetemi o vi ammazzo!», poi è crollato a terra, ed è morto pochi minuti dopo. Addosso non aveva nulla nessun documento, sembra neppure un cellulare.

In tarda serata, il procuratore della Repubblica Francois Molins, in una brevissima conferenza stampa improvvisata in strada, ha annunciato che è la procura antiterrorismo ad indagare «visto che diverse persone hanno udito l'uomo gridare Allah Akbar». Tutto è cominciato attorno alle nove, al momento in cui l'afflusso è massimo nella zona. Il killer, armato di coltello, ha cominciato ad aggredire e inseguire passanti, scelti a caso, nella rue Monsigny, poi nella rue Saint-Augustin, che va dall'Opera alla Bourse, in un succedersi di bar, caffè, bistrot, ristoranti e teatri. Immediatamente, e in gran numero, sono intervenuti i poliziotti del vicino III arrondissement. Prima con una pistola taser, poi con le armi vere, a ulteriore dimostrazione che in 3 anni di terrorismo le abitudini dei poliziotti francesi - che all'inizio erano molto più lente e prudenti - sono molto cambiate. L'uomo è caduto a terra, ed è morto pochi minuti dopo.
13-05-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy