METEO
BORSA
16/07/2018 08:30
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Difesa: «No a blocco missioni internazionali»

Ipotesi di Salvini dopo che sabato sera a Messina la nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti è arrivata in porto. Tria frena: non spetta a lui

Tensione tra ministeri di Interno e Difesa. Dopo le parole del ministro Matteo Salvini - che ha parlato di uno stop alle navi delle missioni internazionali - arriva la risposta del ministero guidato dal ministro Elisabetta Trenta: non spetta al responsabile del Viminale.

Nelle intenzioni, Matteo Salvini vuole bloccare anche le imbarcazioni delle missioni internazionali e impedirne l'attracco nei porti italiani. La dichiarazione del ministro degli Interni dopo che sabato sera a Messina la nave militare irlandese Samuel Beckett con a bordo 106 migranti approdata nel molo Norimberga. Ma fonti della Difesa hanno infatti puntualizzato nella serata di domenica che «Eunavformed è una missione europea ai livelli Esteri e Difesa, non Interni» e che «le regole di ingaggio della missione» vanno cambiate «nelle sedi competenti, non a Innsbruck».

Le operazioni di primo soccorso a Messina sono state coordinate dalla Prefettura, con la collaborazione di Capitaneria, forze dell'ordine, Croce Rossa e associazioni di volontariato. Tra i migranti 93 uomini, 11 minorenni e due donne, una delle quali incinta. Da primi riscontri sembra che il primo soccorso sia avvenuto in zona Sar libica nella notte fra il 4 e il 5 luglio, poche ore dopo che il gommone era partito da Garabulli. Il pattugliatore irlandese, dopo aver effettuato il soccorso, ha chiesto a Roma il permesso di sbarcare i migranti, e dal Viminale è arrivata l'indicazione di Messina.

Ma come accennato, Salvini non ci sta: «Dopo aver fermato le navi delle Ong - dice il ministro dell'Interno - giovedì porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l'arrivo nei porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo. Purtroppo i governi italiani degli ultimi 5 anni avevano sottoscritto accordi (in cambio di cosa?) perché tutte queste navi scaricassero gli immigrati in Italia, col nostro governo la musica è cambiata e cambierà».
08-07-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy