METEO
BORSA
13/12/2018 15:42
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Macron ha deciso moratoria sull'aumento delle tasse sui carburanti

L'ufficio del premier francese Edouard Philippe ha confermato l'annullamento dell'incontro previsto per oggi con un gruppo di rappresentanti del gilet gialli

Il primo ministro francese Edouard Philippe pronto all'annuncio: il governo francese varerà una moratoria di alcuni mesi sull'aumento delle tasse sui carburanti, causa scatenante della protesta dei "gilet gialli" che sabato a Parigi è sfociata in guerriglia urbana e che dalle prime manifestazioni di piazza a oggi ha già lasciato sul campo quattro morti e centinaia di feriti.

L'aumento delle tasse su benzina e diesel sarebbe dovuto scattare dal primo gennaio. La decisione del governo mira a far calare la tensione e a dare un margine ai "gilet gialli" moderati in modo da poter avviare una trattativa. Secondo le fonti che hanno anticipato la scelta dell'esecutivo ci saranno anche altre misure volte a rasserenare gli animi, decise in una riunione svoltasi ieri sera all'Eliseo con il presidente Emmanuel Macron. Philippe presenterà tali misure in un incontro con i deputati di En Marche. L'ufficio del premier francese Edouard Philippe ha confermato l'annullamento dell'incontro previsto per oggi con un gruppo di rappresentanti del gilet gialli. Ospite questa mattina su RMC, una delle portavoci del movimento, Jacline Mouraud, ha spiegato che la riunione è stata annullata per «motivi di sicurezza» su iniziativa del governo ieri sera.

L'automobilista bretone protagonista di un appello a Emmanuel Macron via Facebook ha spiegato di aver ricevuto minacce «che le impediscono di recarsi alla riunione». «Fino alle 23.10 di ieri sera era sempre in programma che noi andassimo a Matignon. Ma ci sono stati appelli per impedirci di andare: se prendessi il treno correrei il rischio di essere riconosciuta», ha dichiarato a Jean-Jacques Bourdin, secondo quanto riporta il sito dell'emittente. Mouraud ha comunque annunciato di voler restare «presente, sul terreno, malgrado le minacce ricevute da sabato».
04-12-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy