METEO
BORSA
13/12/2018 15:41
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Ecotassa sulle auto, c'è già la marcia indietro

Salvini si smarca: «Sono assolutamente contrario a ogni ipotesi di nuova tassa su beni già ipertassati e più tassati d'Europa». Forti malumori nel Movimento 5 Stelle

«Sono assolutamente contrario a ogni ipotesi di nuova tassa su beni già ipertassati e più tassati d'Europa». Così il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini ha parlato delle modifiche della Camera al Ddl bilancio che prevedono sgravi per le auto ecologiche e aggravi per quelle inquinanti, che secondo alcune simulazioni colpirebbero in particolare le utilitarie come la Panda.

L'emendamento dei 5 Stelle approvato nella notte tra martedì e mercoledì alla manovra prevede incentivi dai 1.500 ai 6 mila euro per chi acquista - tra il 2019 e il 2021 - un'auto nuova con emissioni tra zero e 90 grammi per chilometro di anidride carbonica: elettrica, ibrida o comunque poco inquinante. La norma però non si ferma qui, introducendo di fatto una nuova tassa da 150 a 3 mila euro per chi sceglie invece le utilitarie. Le vetture cioè che presentano valori di emissioni superiori ai 110 grammi per chilometro. E Salvini taglia corto: «Non credo che uno abbia una macchina vecchia per piacere ma perchè non ha la possibilità», ha detto Salvini.
06-12-2018


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy