METEO
BORSA
21/02/2019 18:16
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Roma: oggi stop ai veicoli più inquinanti

Per la giornata del 30 dicembre, oltre ai divieti già previsti, è in vigore il divieto di circolazione veicolare privata nella Ztl Fascia Verde per diverse tipologie

Dopo sabato 29 dicembre, anche oggi domenica 30 un blocco dei veicoli più inquinanti a Roma. A seguito del superamento degli inquinanti con livelli superiori al limite vigente di PM10, nelle stazioni di monitoraggio "Preneste", "Cinecittà" e "Tiburtina", sono state adottate due Ordinanze della Sindaca Virginia Raggi.

Il provvedimento urgente si è reso necessario sulla base delle previsioni sullo stato della qualità dell’aria, fornite da Arpa Lazio, che indicano sull’area di Roma il persistere per i prossimi giorni di una situazione di rischio, con potenziale superamento delle soglie di sicurezza previste dalla legge per l'inquinamento da polveri sottili. Lo stop è dalle ore 7.30 alle ore 20.30. Per la giornata del 30 dicembre, oltre ai divieti già previsti, è in vigore il divieto di circolazione veicolare privata nella Ztl Fascia Verde per le seguenti tipologie veicolari:

- ciclomotori e motoveicoli “PRE-EURO 1” ed “EURO 1”, a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi (ovvero non conformi, a seconda della categoria di veicolo, alla Direttiva 97/24/CE - fase II e successive, oppure alla Direttiva 2002/51/CE – fase A e successive);

- autoveicoli alimentati a benzina “EURO 2” (ovvero non conformi alla Direttiva 98/69/CE e successive, oppure alla Direttiva 1999/96/CE – Riga A e successive).

 Dai suddetti divieti di circolazione veicolare sono derogate/esentate le seguenti categorie:

1. veicoli muniti del contrassegno per persone invalide previsto dal D.P.R. n. 503 del 24 luglio 1996;

2. veicoli adibiti a servizio di polizia e sicurezza, emergenza anche sociale ivi compreso il soccorso, anche stradale e il pronto intervento per acqua, luce, gas, telefono ed impianti per la regolazione del traffico e al trasporto salme;

3. veicoli adibiti al trasporto collettivo pubblico;

4. veicoli adibiti a servizi Piano Spostamenti Casa Lavoro (PSCL) attivati sulla base di appositi provvedimenti del Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare o dall’Amministrazione di Roma Capitale;

5. veicoli adibiti al trasporto, smaltimento rifiuti e tutela igienico ambientale, alla gestione emergenziale del verde, alla Protezione civile e agli interventi di urgente ripristino del decoro urbano;

6. veicoli adibiti al trasporto di partecipanti a cortei funebri;

7. veicoli con targa C.D., S.C.V. e C.V.;

8. veicoli adibiti al trasporto dei medici in servizio di emergenza, adeguatamente motivato, purché muniti di contrassegno dell’Ordine dei medici;

9. veicoli BI-FUEL (benzina / GPL o metano), anche trasformati, marcianti con alimentazione GPL o metano;

10. veicoli regolamentati ai sensi delle deliberazioni di Assemblea Capitolina n. 66/2014 e n. 55/2018.

Nel documento del Campidoglio, inoltre, "si ordina anche che, sull’intero territorio comunale, gli impianti termici, destinati alla climatizzazione invernale degli ambienti vengano gestiti in modo che, durante il periodo di funzionamento giornaliero consentito (massimo 12 ore) non siano superati i seguenti valori massimi di temperatura dell’aria negli ambienti":

A. 18°C  negli edifici classificati, in base all’art.3 del D.P.R. n. 412/93, nelle categorie E.1, E.2, E.4, E.5 ed E.6;

B. 17°C  negli edifici classificati, in base all’art.3 del D.P.R. n. 412/93, nella categoria E.8.

Tali disposizioni, quindi, non si applicano agli edifici rientranti nella categoria E.3 (ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili) ed E.7 (scuole e assimilabili). Inoltre gli impianti di riscaldamento devono essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C in funzione del tipo di edificio.
30-12-2018

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy