METEO
BORSA
17/10/2019 01:04
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Rider, la maggioranza trova un'intesa

12 mesi a imprese e sindacati per definire le tutele, diversamente scatterà il lavoro subordinato. Divieto di cottimo, con possibilità di deroga in base ai contratti

La maggioranza ha trovato l'accordo sui riders. L'emendamento, che sarà presentato al cosiddetto Decreto Crisi al Senato, tra le altre cose, prevede per i ciclofattorini impiegati in maniera continuativa le tutele del lavoro subordinato. Lo rende noto il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.

La ministra spiega poi che per coloro che lavorano in maniera occasionale un pacchetto minimo di diritti inderogabili (divieto di cottimo, paga minima oraria collegata ai Ccnl, salute e sicurezza, tutele previdenziali) a cui può affiancarsi una regolamentazione specifica tramite la stipula di contratti collettivi. Previsto diunque un "doppio binario": per i ciclofattorini impiegati in maniera continuativa sono previste le tutele del lavoro subordinato mentre per coloro che lavorano in maniera occasionale e discontinua c'è un pacchetto minimo di diritti inderogabili. Il principale obiettivo di questo intervento, si spiega nel comunicato del ministero, è stimolare, anche in tale settore, la contrattazione collettiva che avrà il compito di regolare in concreto la figura dei rider. Catalfo si dice "molto soddisfatta" perché, sottolinea, "finalmente anche questi lavoratori avranno maggiori diritti e tutele".
04-10-2019


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy