METEO
BORSA
27/09/2021 18:50
Zalando
SPORT
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Paralimpiadi, storica tripletta italiana nei 100 metri femminili

Imprese delle nostre velociste a Tokyo: Ambra Sabatini d'oro con primato mondiale, sul podio Caironi e Contrafatto nell'ultimo giorno di gare. Record di medaglie per l'Italia

Gioia senza pari per l'Italia nell'ultimo giorno della sedicesima edizione delle Paralimpiadi di Tokyo: nella finale dei 100 metri femminili categoria T63, le azzurre sono riuscite a conquistare tutti e tre i gradini del podio. La medaglia d'oro è di Ambra Sabatini, 19enne originaria di Livorno e residente a Porto Ercole (Grosseto), che con 14"11 ha realizzato il record del mondo; argento a Martina Caironi, 31enne originaria di Alzano Lombardo (Bergamo) e residente a Bologna (14"46) e bronzo a Monica Graziana Contrafatto, 40enne originaria di Gela (Caltanissetta) e residente a Roma (14"73).

«Vincere è stato bellissimo, ma l'emozione più bella è il podio a tre» è il commento della vincitrice. «Io voglio dedicare la mia medaglia a quell'altro Paese che mi ha tolto qualcosa ma in realtà mi ha dato tanto, l'Afghanistan» ha detto Contrafatto subito dopo il bronzo conquistato. Nel 2012 l'atleta era un caporal maggiore dei bersaglieri in missione in Afghanistan, e durante un attacco alla base italiana venne colpita a una gamba dalle schegge di una bomba che le provocarono danni anche all'arteria femorale, all'intestino e a una mano. Le venne poi amputata la gamba destra.
04-09-2021

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy