METEO
BORSA
05/07/2022 15:53
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
«Uccisa con 11 colpi, la morte non è stata immediata»

La giudice delle indagini preliminari Daniela Monaco Crea ha convalidato il fermo per Martina Patti e disposto un'ordinanza di custodia cautelare in cella. Nuovo sopralluogo in casa

La piccola Elena Del Pozzo non è morta subito. La madre l'ha colpita con almeno undici volte con un'arma compatibile con un coltello da cucina, che ancora non è stato ritrovato. Uno solo è stato letale perché ha reciso i vasi dell'arteria succlavia. Sono questi i primi esiti dell'autopsia eseguita ieri sulla bambina uccisa dalla mamma, Martina Patti, che ha confessato il delitto.

I dettagli sono stati resi noti sabato, e pare che dall'autopsia sono arrivati dettagli che hanno chiarito meglio l'orario del delitto: dopo più di un'ora dal pasto che la bimba aveva consumato a scuola intorno alle 13. Intanto la Gip di Catania Daniela Monaco Crea ha convalidato il fermo della donna, e Martina Patti resta così in carcere. Crea ha convalidato il fermo della Procura ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare per omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere. Sabato, i carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche (Sis) di Catania e del Ris di Parma hanno eseguito un nuovo sopralluogo nella casa di Mascalucia di Martina Patti. Accertamenti saranno estesi anche a un perimetro più vasto del luogo dove è stato trovato il corpo della bambina, in una campagna abbandonata, a circa seicento metri dall'abitazione.
18-06-2022


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy