METEO
BORSA
25/09/2017 06:24
Ariano International Film Festival
Zalando
CULTURA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire

A Roma "Nel nome di ADA, la fata matematica"

Attesa performance, il 27 e 28 settembre, nel suggestivo spazio della Casa Museo Keats–Shelley, di Galatea Ranzi e Paolo Lorimer per la regia di Valeria Patera...

 Dopo il successo de La mela di Alan, la vera
 storia del padre del primo computer, ripreso al
 Teatro Ristori di Verona e al Teatro Palladium
 di Roma, in occasione del centenario della na-
 scita d i Alan Turing, il calendario autunnale di
 Valeria Patera si propone con  una serie di
 prestigiosi appuntamenti per gli appassionati di
 teatro e di scienza.
Ricordando la recente morte  di Rita Levi-Montalcini lo spettacolo che dal 2010 porta in teatro le sue lettere e biografia, per la splendida interpretazione di Anna Bonaiuto sarà a Genova, nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale e  poi al Teatro Astra-Fondazione TPE di Torino e all’Istituto Italiano di Cultura di Berlino e in altre città e locations.
Ma questa settimana, il 27 e 28 settembre nella suggestiva cornice della Casa Museo Keats-Shelley, in Piazza di Spagna a Roma, GALATEA RANZI  interpreterà le  parole di Ada Byron, un’altra grande donna a cui Patera dedica il progetto di questa stagione e che ha già ricevuto il prestigioso premio della Bogliasco Foundation.

LA STORIA
E’ la storia è quella  di Ada Byron, figlia del famoso poeta inglese,  vive una breve ma intensissima vita a cavallo della prima metà dell’ Ottocento, epoca della prima rivoluzione industriale e di grandi cambiamenti, scoperte e invenzioni.  Creatura sensibilissima, dotata di grande immaginazione e al contempo rigore e disciplina,  sin dalla prima infanzia viene spinta  dalla madre agli studi  scientifici onde scongiurare  i fumi peccaminosi e corrotti della vita poetica del padre dal quale la madre si era separata appena nove mesi dopo la nascita di Ada che infatti mai lo incontrerà in vita.
Le straordinarie doti intellettuali di Ada la porteranno all’incontro che cambierà la sua vita  con il grande matematico inglese Charles Babbage che in quegli anni stava lavorando al progetto della  “differencial  engine” e poi “analytical engine” (macchina differenziale e poi macchina analitica). Nonostante la differenza di età il sodalizio è profondo e fruttuoso e Ada,  concepisce il  concetto di software  applicando un primo sistema di programmazione, adattando l’uso delle schede perforate che Jacquard  aveva introdotto nei primi telai meccanici, alla macchina analitica che diventa così il vero progenitore del futuro computer.
Ada cercò di fondere scienza e poesia, diceva di sé di essere un analista metafisico, uno scienziato poeta e la sua capacità visionaria le fece intuire ciò che sarebbe accaduto un secolo dopo. Alla fine degli anni ‘70 il Dipartimento della Difesa americana ha creato “ADA” un sistema che permette di unificare i diversi linguaggi di programmazione.

IL PROGETTO
Nota in Italia e all’estero  per aver scritto diretto e prodotto importanti spettacoli dedicati alle grandi figure della scienza come Alan Turing, Charles Darwin, Max Perutz, Elena Cattaneo, Rita Levi-Montalcini  ecco che VALERIA PATERA, dopo il successo riportato la scorsa stagione al Teatro Ristori di Verona e al Teatro Palladium di Roma con LA MELA DI ALAN, la storia del padre del primo computer, presenta il suo nuovo testo dedicato ad un personaggio di grande fascino quale Ada Byron Lovelace, figlia del poeta Lord Byron e passata alla storia per aver inventato il software nella prima metà dell’800 collaborando alla realizzazione della macchina analitica ideata dal grande Charles Babbage e quindi sulla stessa linea che cento anni porterà Turing a realizzare il primo calcolatore.
Il progetto ha ricevuto il prestigioso premio della Bogliasco Foundation e nasce in collaborazione con La Sapienza  che  il 17  ottobre ospiterà un ADA’s Day, un convegno dedicato ad Ada Byron e in primavera accoglierà la tappa finale della messinscena  che poi sarà proposta  nel circuito dei grandi teatri.
Nel suggestivo spazio della Casa Museo Keats–Shelley che contemporaneamente ospita una mostra dedicata a Mary Shelley e il circolo romantico, le serate saranno introdotte dall’autrice e da Luigia Carlucci Aiello, Ordinario di Intelligenza Artificiale al Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale Antonio Ruberti della Sapienza.
Darà voce al personaggio di Ada Byron una grande attrice italiana quale è GALATEA RANZI e a quello di  Charles Babbage PAOLO LORIMER.

Nel nome di ADA, la fata matematica
con
GALATEA RANZI E PAOLO LORIMER
UNA PERFORMANCE SCRITTA E DIRETTA DA VALERIA PATERA
Musica di FRANCESCO RAMPICHINI
27 e 28    Settembre h 19
Casa Museo Keats-Shelley – Roma P.za  di Spagna, 26

26-09-2013

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy