METEO
BORSA
05/07/2022 13:50
Zalando
EVENTI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale

Nel giardino di Rose

Al Teatro Kopò accadono avvenimenti divertenti e, così, l’ultimo spettacolo, prima della chiusura estiva, andato in scena dal 25 al 27 luglio, è stato tratto dallo spassoso testo di Stefano Benni, La Signorina Pavillon...

 Commedia ritmica e arcastica. Un mondo
 apparente nasconde una modernità frena-
 ta dove nessuno si ferma più. Mondanità
 dai toni superbi e altezzosi, fanno si, co-
 munque, che la diversità crei mistero, sti-
 le e personalità non convenzionali.

 Al Teatro Kopò accadono avvenimenti divertenti e, così, l’ultimo spettacolo, prima della chiusura estiva, andato in scena dal 25 al 27 luglio, è stato tratto dallo spassoso testo di Stefano Benni, La Signorina Pavillon.
Lo scrittore, di per se, è esilarante, realistico e piacevole. Con la sua penna riesce a far immaginare situazioni paradossali e la chiave ironica è stata ben interpretata dagli attori.

La Signorina Papillon, messo in scena dalla compagnia Teatro di Parpignol è stato ben recitato da Sabrina Maggiani, Rose, Andrea Mosti, Millet, Priscilla Bertelloni, Marie Luise e Francesco Marchesi, Armand, il quale ha curato la regia.

Un palcoscenico ricco di tulle bianco al quale sono attaccate rose rosse di cartapesta. Due sedie. Un quaderno. Un cofanetto. E quattro protagonisti che si muovono all’interno del mondo incantato di Rose. Mille i significati nascosti, se ne scovano tanti se si è ben attenti al testo e soprattutto molto veloci a comprendere le dinamiche.

La storia è ambientata nel XIX secolo, vicino Parigi. I vestiti ne sottolineano il tempo. Ilari le contraddittorietà, la differenza tra dibattito, in cui tutti hanno ragione e conversazione, la mondanità scandita da toni assai superbi e altezzosi, donano al quadro generale ritmi incalzanti, risate tra il pubblico e dizione chiara e netta, ironica e cadenzata.

Il mondo utopico nasconde una modernità frenata dove nessuno è capace di fermarsi per farsi notare, essere al centro dell’attenzione e soprattutto non avere freni riguardo falsità e perfidia, anche da parte delle amiche, ad affossare qualità e capacità con la paura di essere superate da chi si crede sia meno sveglia e furba.

Rose Papillon è sintomo di purezza e scaltrezza, nel suo chiosco naturale vive e colleziona farfalle, le rinchiude nel suo museo di carta, animali, insetti e ascolta i suoni circostanti.
E’ acuta osservatrice e sognatrice del mondo fuori di lei, ma Rose è diversa, controvento, e tale rimarrà.

I tre personaggi che le gravitano intorno sembrano fagocitarla nel loro intento di farle vivere il suo sogno, vivere a Parigi. Una gag esilarante che richiama le vecchie giostre di un tempo.
Il poeta Millet e il militare Armand si contendono l’amore di Rose, dentro un duello divertente e pieno di verve.

Un quartetto che offre uno spettacolo assai ricco e gradevole, che andrebbe rivisto per coglierne ogni minima sfumatura e particolare.
Sul finale la poesia prende vita. E’ la vita dei sogni. Di quelli che si vorrebbero realizzare e che devono trovare la loro strada per essere.

Se hai un sogno non dirlo, tienilo con te...

Annalisa Civitelli
31-07-2014


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy