METEO
BORSA
23/05/2024 08:08
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Nelle chiese italiane oltre 23mila musulmani

Notevole partecipazione nelle chiese in Francia e Italia per esere presenti alle Messe della domenica: un segno di fraternità dopo l’omicidio di padre Jacques Hamel a Rouen

Sono migliaia i musulmani che domenica sono entrati nelle chiese in Francia e Italia per esere presenti alle Messe della domenica: un segno di fraternità dopo l’omicidio di padre Jacques Hamel a Rouen. Un messaggio di pace, nato su suggerimento della comunità islamica francese. In Italia, da Milano a Roma, Firenze, Napoli, Torino, Palermo, Catania, Bari, imam e credenti musulmani - 23mila secondo Foad Aodi, presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Comai) - hanno pregato a messa insieme ai cristiani di fede cattolica e non mancano messaggi di pace, abbracci e momenti di grande commozione.

«Siamo molto grati per questa risposta pronta, tempestiva e chiara. Se continuano su questa strada si potrà creare un vero isolamento attorno a questi fanatici omicidi - commenta su Avvenire il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, da Cracovia -. Non sempre abbiamo sentito una reazione corale, ora questo invece si sta creando. E' vero che il mondo musulmano è abbastanza frammentato per motivazioni di carattere teologico, che non ci competono. Ma su questo punto fondamentale di condanna netta della barbarie si può essere tutti d'accordo. E ora mi pare che si vada in questa direzione».
01-08-2016

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy