METEO
BORSA
16/12/2017 04:17
Linear
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Trieste Film Festival
Accordo di Parigi sul clima: ratifica del PE

L'accordo di Parigi sulla lotta ai cambiamenti climatici, il primo in assoluto accordo vincolante globale sul clima, entrerà in vigore il mese prossimo, molto prima del previsto, poiché le condizioni necessarie affinché ciò avvenga saranno raggiunte in seguito alla ratifica a livello UE, approvata dal Parlamento europeo martedì con uno storico voto.

Il Parlamento ha dato il suo consenso alla ratifica dell'accordo UE da 610 voti a favore, 38 contrari e 31 astensioni.

L'UE si unirà cosi a Stati Uniti, Cina e India, gli altri principali responsabili delle emissioni di gas serra, in una riunione di novembre a Marrakech fra le parti dell'accordo di Parigi (CMA).

Le ratifiche di almeno 55 paesi che rappresentano almeno il 55% delle emissioni globali sono necessarie affinché l'accordo possa entrare in vigore. Mentre la prima condizione era già stata soddisfatta, il voto di oggi permette di soddisfare il secondo parametro e quindi far scattare l'entrata in vigore.

“Il nostro voto garantisce che l’accordo soddisfi la soglia necessaria (...). L'entrata in vigore dell'accordo di Parigi meno di un anno dopo la sua firma è un risultato enorme, mentre ci sono voluti otto anni per il protocollo di Kyoto. Il voto di oggi significa anche che l'UE resta un leader” nella lotta al cambiamento climatico, ha detto il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz (intervento integrale), che ha firmato il documento di trasmissione del parere conforme del Parlamento per la ratifica da parte dell'UE alla presenza del segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon, del Ministro dell'ambiente francese e Presidente della COP21 Ségolène Royal, del Segretario di Stato slovacco Ivan Korčok, in rappresentanza della Presidenza del Consiglio, e del Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

“L'Unione europea ha una lunga esperienza di leadership nella lotta contro il cambiamento climatico", ha detto Ban Ki-moon (intervento integrale) prima del voto. Il Segretario Generale ONU ha ringraziato i deputati europei e sottolineato l'importanza della ratifica dell'Europa. Ha inoltre ricordato che la lotta al cambiamento climatico non è solo una delle più importanti sfide del nostro tempo, ma anche l'opportunità di costruire un'economia più sostenibile e competitiva e società più stabili.

La maggior parte dei leader dei gruppi politici (interventi integrali disponibili qui e qui) hanno sottolineato che il voto di oggi mostra anche che cooperare e affrontare le sfide insieme sono l'unica soluzione ai problemi globali. Hanno inoltre insistito sulla urgenza di mettere in pratica l'accordo, e di proseguire con i negoziati sulla scena globale. "Questo è il risultato di un grande lavoro insieme", che dimostra che "Oggi si può!", ha detto il Presidente della commissione ambiente e capo delegazione PE a Parigi Giovanni La Via (PPE, IT).

Alla fine della votazione si è tenuta una conferenza stampa con Martin Schulz, Ban Ki-Moon, Ségolène Royal, Jean-Claude Juncker, e Ivan Korčok, che è possibile rivedere qui e qui.

Ora che l’accordo è stato approvato dal PE, il Consiglio UE può adottare formalmente la decisione tramite una procedura scritta d'urgenza così che l'UE, insieme ai 7 Stati membri che hanno già completato il processo nazionale di ratifica, possano depositare venerdì 7 ottobre gli strumenti di ratifica presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

Giovedì, I deputati voteranno inoltre una risoluzione in cui si definiscono le priorità per i prossimi negoziati, a inizio novembre a Marrakech.

Finora, 7 Stati membri hanno completato i loro processi di ratifica nazionale, che accompagna quella a livello UE: Ungheria, Francia, Slovacchia, Austria, Malta, Portogallo e Germania. Questi 7 Stati rappresentano circa il 5% delle emissioni globali.

Affinché l’accordo possa entrare in vigore, sono necessarie le ratifiche di almeno 55 parti pari ad almeno il 55% delle emissioni globali. Ad oggi 62 parti, pari al 51.89% delle emissioni globali, hanno formalmente depositato gli strumenti di ratifica.

In questo contesto, e grazie alla ratifica da parte dell'UE, l'accordo di Parigi entrerà in vigore in tempo per la conferenza sul clima COP 22 a Marrakech dal 7-18 novembre 2016.
04-10-2016


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy