METEO
BORSA
20/08/2017 07:39
Enel
EVENTI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
"Roma, la verità violata", Alter Ego edizioni

L'autore ideatore del genere postfantastorico, Giuseppe Lorin, torna in libreria con il suo terzo romanzo “Roma, la verità violata”. Dopo la fantasia e la Storia c'è la realtà, che va descritta e raccontata minuziosamente, nel rispetto della verità. Sulla scia dello stile originale di 'Tra le argille del tempo', considerato il primo libro di genere postfantastorico, ideato dal nostro autore, ma subito seguito dal primo libro “fake” voluto dall’editore, che ha cambiato solo e unicamente la “copertina” del libro adducendo che il nome 'Roma, i segreti degli antichi luoghi', per ragioni di marketing pubblicitario, avrebbe “attirato” di più il lettore. È anche per queste ragioni che l’autore, nel rispetto dei suoi lettori che non vanno traditi dall’incompetenza editoriale, ha deciso di abbandonare il vecchio editore per affidare il suo nuovo libro, “Roma, la verità violata” alla serietà imprenditoriale di Alter Ego. Il volume è stato presentato in anteprima nella rassegna 'Fiumicino Legge!', salotto letterario di prestigio nel cuore del centro storico della cittadina laziale.
Ha introdotto lo scrittore la coordinatrice dell'evento, Elisa Palchetti, che ha poi passato la parola a Vittorio Lussana, direttore della rivista 'Periodico Italiano Magazine'. "Apprezzo la capacità di questo autore di creare dei veri e propri cerchi concentrici all'interno della narrazione, senza mai far perdere il 'filo' al lettore. Ciò ha il merito di riavvicinare a molte tematiche, che possono essere una 'chiave' di ritorno verso la cultura e il gusto per la ricerca storica". Così si è espresso Vittorio Lussana, entrando nel vivo del romanzo. Un progetto editoriale che ha sicuramente il pregio di far conoscere meglio una città affascinante ed enigmatica come Roma, unendo alla parte romanzata, una più didattica o di approfondimento. Questa volta, Giuseppe Lorin ha fatto un lavoro molto particolare, più cinematografico, anche se ha mantenuto intatto il legame con i riferimenti storici, entrando nei vicoli della capitale al fine di condurre il lettore a carpire notizie riservate: dalla Fides alle società segrete, dall'inquisizione ai libri al rogo, dai Templari ai Cavalieri di Malta, dalla vendita degli organi di bambini all'insaputa dei propri parenti alle supposizioni su quanto i vangeli apocrifi ci hanno riportato. Al centro della vicenda rimangono i protagonisti di sempre: Otto e Miky. La coppia si trova alle prese con la vita di un lavavetri e di un'insegnante in malattia che ha perso temporaneamente la vista. L'intreccio prevede diversi personaggi, ognuno con un carattere proprio e una sorta di missione da compiere. Ciascun capitolo si apre con una citazione, o di un autore famoso o dell'autore stesso: da Bernardo di Chiaravalle a Khalil Gibran, da George Andreas Papandreou a Jean Genet, per citarne alcuni. Il libro inizia con la colazione di Miky al Gianicolo e la consegna di uno scontrino con sopra scritto: "Un sicario è alla vostra ricerca". Da lì si susseguono episodi in cui gli incontri e le descrizioni sono essenziali per lasciarsi coinvolgere dalla trama. La scrittura scelta è visiva, fotografica. Il linguaggio è quotidiano, nel rispetto delle attività e dei ruoli svolti nella realtà. I personaggi sono autentici: le persone inserite hanno autorizzato l'autore alla pubblicazione dei loro nomi e cognomi. Emergono casi ancora insoluti che riguardano il complotto politico per l’omicidio Pasolini e l’affaire Orlandi e Gregori. Tra le pagine emerge la vita con le sue contraddizioni: si parla di amore, amicizia, potere, inganni, religione, sogni e poesia. Tutto è raccontato nella consapevolezza di scuotere, di far riflettere per dare una visione delle fragilità umane. Così l'autore parla di 'Roma, la verità violata': "Sono fatti di cronaca, non svelati totalmente, ma che vengono resi pubblici da confidenze raccolte in presenza di altri, che non pongono ascolto: è per questo che mi sento autorizzato a trasmetterli". Non è un caso che il libro sia stato scelto per la realizzazione di un film: la bellezza dei luoghi, la varietà dei personaggi e la struttura narrativa lo consentono.

Roma, la verità violata
di Giuseppe Lorin,
Alter Ego Edizioni
Pagg. 248, 14 euro

L'autore
Giuseppe Lorin, attore, poeta, regista, romanziere, critico letterario, autore, conduttore e giornalista, dopo aver studiato all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica 'Silvio D'Amico' si è specializzato all'International Film Institute of London con Richard Attenborough. Laureato in Psicologia all'Università di Roma 'La Sapienza', è docente di Interpretazione con il Metodo Mimesico e Dizione interpretativa e collabora con varie testate giornalistiche, cartacee e on line. Ha vinto diversi premi e riconoscimenti. È autore di 'Manuale di dizione' (2009); “Da Monteverde al mare” (2013); “Tra le argille del tempo” (2015) e “Roma, i segreti degli antichi luoghi”, primo libro fake del 2016.
10-07-2017


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy