METEO
BORSA
16/12/2017 00:22
Ariano International Film Festival
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
«Lavoriamo con la Libia, nessuna lesione di sovranità»

Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, nella informativa alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato. Governo Sarraj «è stato riconosciuto dall'Onu»

Con la missione navale italiana in Libia «non si profila alcuna lesione alla sovranità libica. Il nostro obiettivo è anzi quello di rafforzarla». Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, nella informativa alle commissioni Esteri e Difesa di Camera e Senato.

La responsabile della Difesa ha quindi spiegato che lo scorso 23 luglio il premier libico Fayez al Sarraj «ci ha chiesto con una lettera sostegno tecnico e navale ed il governo assicurerà» con la nuova missione «sostegno logistico tecnico e operativo alle unità navali libiche accompagnandole mediante attività congiunte e coordinate, assicurando il ripristino e la manutenzione degli equipaggiamenti».

Il governo Sarraj, ricorda Pinotti, «è stato riconosciuto dall'Onu, che ha invitato tutti i membri delle Nazioni Unite a lavorare con le autorità libiche e l'Italia si è sempre mossa in questo quadro». «Conosciamo - ha sottolineato la ministra - la complessità della Libia e per questo lavoriamo con un approccio inclusivo per dialogare con tutti gli attori locali ma riconosciamo l'autorità legittima di Sarraj. Conosciamo anche l'orgoglio nazionale dei libici e sappiamo che è importante lavorare insieme a loro senza imporre alcunché».
01-08-2017

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy