METEO
BORSA
24/11/2017 17:21
Ariano International Film Festival
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Parlamento Europeo, agenda della settimana

Lotta al terrorismo e sicurezza, cambiamento climatico verso COP 23, norme europee su prevenzione e riparazione dei danni all’ambiente, programma di lavoro della Commissione per il 2018 e preparazione della Plenaria: questi i temi principali della settimana a Bruxelles.

La lotta al terrorismo e la necessità di rafforzare lo scambio di informazioni tra Stati membri dell’UE saranno discusse lunedì dai deputati della commissione Libertà civili con il Commissario Dimitris Avramopoulos, responsabile per migrazioni, affari interni e cittadinanza, e Krum Garkov, Presidente di eu-LISA, l’Agenzia europea responsabile per la gestione dei sistemi informatici nell’area di sicurezza e giustizia, come i database Schengen e richiedenti asilo.

Una valutazione delle attuali minacce alla sicurezza sarà presentata giovedì in commissione Libertà civili del PE, alla presenza del Commissario per l’unione della sicurezza, Sir Julian King. Il dibattito, che sarà incentrato anche sulle prossime sfide nel settore, sarà seguito da una conferenza stampa con il presidente della commissione LIBE, Claude Moraes.

La commissione Ambiente del Parlamento europeo voterà giovedì il suo contributo alla prossima Conferenza ONU sul cambiamento climatico (COP 23) che si terrà a Bonn nel mese di novembre 2017. La conferenza sarà centrata sull’implementazione degli accordi di Parigi, in forza dal novembre 2016, e su quanto resta da fare in termini di finanziamenti sul clima e contributi nazionali. Una delegazione di deputati europei seguirà i negoziati sul posto.

Sempre giovedì, la commissione Giuridica del PE si concentrerà sull’efficienza delle norme europee per la prevenzione e riparazione dei danni causati all’ambiente, sulla base del principio che “chi inquina paga”. I deputati proporranno anche miglioramenti alla direttiva sulla responsabilità in materia di danno ambientale recepita dagli Stati membri nel 2010.

Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e i leader dei gruppi politici (Conferenza dei Presidenti del PE) discuteranno giovedì con il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il Primo Vicepresidente Timmermans sulle priorità di lavoro per il prossimo anno.

I gruppi politici fisseranno le loro priorità in vista del dibattito sullo Stato dell’Unione 2017 previsto mercoledì 13 settembre in mattinata a Strasburgo.

In preparazione della sessione Plenaria di settembre (dall’11 al 14) discuteranno di sicurezza incendi negli edifici, promozione della connettività nelle comunità locali, sicurezza degli approvvigionamenti di gas, esportazione di armi, sistema delle prigioni in Europa, prossimi passi per il completamento dell’Unione del Mercato dei capitali, impatto della politica commerciale dell’Unione e di relazioni UE-America Latina. 

Il Presidente del PE Antonio Tajani sarà lunedì a Norcia per partecipare al dialogo con i cittadini sul tema: ”Costruire un’Europa migliore con i cittadini per le generazioni future”, insieme al Commissario per l'istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics. Martedì sarà impegnato in una conferenza stampa, sempre con il commissario Navracsics, e visiterà alcuni progetti del Corpo Europeo di Solidarietà.

Mercoledì incontrerà a Bruxelles Demetris Syllouris, Presidente della Camera dei rappresentati di Cipro. L’incontro sarà seguito da un punto stampa.

Parteciperà venerdì a Roma al 15° incontro del G7 dei Presidenti dei Parlamenti e sabato al pranzo ufficiale organizzato per l’occasione a Napoli con il Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella.

Infine, Tajani sarà domenica a Münster per unirsi alla conferenza organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio, insieme alla Cancelliera tedesca Angela Merkel e al Presidente nigeriano Mahamadou Issoufou.
04-09-2017


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy