METEO
BORSA
19/09/2019 17:52
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Maltempo, 18 feriti per la grandine a Pescara

Un uomo è morto dopo essere stato colpito da un malore a Osimo, provincia di Ancona, durante la tempesta di pioggia e vento che si è abbattuta sulla regione

Pesante ondata di maltempo nelle Marche, con allagamenti e spiagge devastate (a Numana, Siroli, e dalla costa fanese e fino a Pesaro). Un uomo è morto dopo essere stato colpito da un malore a Osimo, provincia di Ancona, durante la tempesta di pioggia e vento che si è abbattuta sulla regione.

I sanitari di Ancona parlano di decine di persone soccorse per incidenti stradali, cadute da moto e alberi che si sono abbattuti a causa del maltempo. E potrebbe non essere finita qui: torna infatti l'allerta meteo in ben sei regioni e una provincia, con l'allerta gialla che è scattata da martedì sera: si tratta di Piemonte, Lombardia, la provincia autonoma di Trento, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Marche. La causa di questa ondata di cattivo tempo è dovuta al cedimento dell'alta pressione africana che permetterà l'ingresso di masse d'aria fredda sulle nostre bollenti terre.

Mercoledì, poi, una tempesta di vento, pioggia e grandine si è abbattuta sulla costa Adriatica da Milano Marittima a Pescara, provocando ingenti danni. A Pescara una violenta grandinata ha provocato danni a cose e persone: almeno diciotto sono finiti al pronto soccorso, con contusioni e ferite, principalmente alla testa. Tra i feriti anche una donna incinta. Chicchi grossi come palline si sono abbattute sulla città e sulle auto, come si vede dalle molte foto finite sui social. Danni ingenti anche a molti tetti delle case. Danneggiato anche l’ospedale Santo Spirito, dove la situazione è diventata critica soprattutto per il nubifragio che è seguito alla grandinata.

A Milano Marittima, una tromba d’aria ha sradicato decine di pini secolari sulle auto parcheggiate bloccando la circolazione in tutta la zona. Forti raffiche di vento hanno flagellato la costa adriatica anche nella provincia di Ascoli Piceno, da Cupra Marittima fino a Porto d’Ascoli. Bagnanti e turisti in fuga dalle spiagge, dove sono volati lettini e ombrelloni. A Rimini un bagnante è stato sorpreso dal nubifragio ed è stato necessario l’intervento della Guardia Costiera. Danni infine anche a Pesaro, nella Riviera del Conero, a Roseto degli Abruzzi e nel Maceratese, tra Recanati e Porto Recanati, è stato necessario l’intervento del 118 per soccorrere una persona colpita dalla caduta di un albero.
10-07-2019


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy