METEO
BORSA
16/07/2019 11:20
ECONOMIA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
L'Ue conferma previsioni sul Pil Italia: +0,1%

E comunque è «crescita marginale» (+0,7 nel 2020): siamo fanalino di coda in Ue. Male anche la Germania. In cima alla graduatoria Malta, i paesi dell’Est e l’Irlanda

La Commissione Ue lascia invariate le stime sulla crescita italiana del 2019 (0,1%), che definisce «marginale», e del 2020 (0,7%), parlando nel complesso di una «ripresa moderata». Restiamo comunque fanalino di coda nell'Unione.

Nelle nuove previsioni economiche della Commissione europea, è Malta al top nel 2019 (+5,3%), seguita da Ungheria e Polonia (+4,4%), e dall'Irlanda (+4%). In fondo alla classifica, ma prima dell'Italia, c'è la Germania (+0,5%), che però nel 2020 recupera (+1,4%). Per Bruxelles in Italia «non ci si attende che l'attività economica rimbalzi significativamente prima della fine dell'anno», e «i rischi alla crescita restano pronunciati, specialmente nel 2020, quando le politiche di bilancio affrontano particolari sfide», e la crescita italiana 2019-2020 «è legata soprattutto ai consumi privati, sostenuti da prezzi dell'energia più bassi e dal reddito di cittadinanza. Ma questi fattori positivi è probabile che vengano attenuati da un mercato del lavoro meno dinamico e dal calo della fiducia dei consumatori associata all'aumento di risparmi preventivi».

«I nostri conti pubblici sono solidi e in ordine e la significativa riduzione dello spread ne è la prova - così il premier Giuseppe Conte, intervenendo all'assemblea annuale Ania, a Roma -. Ora l'esito positivo del dialogo con Bruxelles ci permetterà di promuovere le nostre posizioni sui dossier comunitari più urgenti. Tengo qui a menzionare, fra i tanti su cui occorre intervenire per potenziare la coesione della membership europea, il completamento della governance bancaria e l'eliminazione delle attuali asimmetrie del sistema di vigilanza».
10-07-2019

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy