METEO
BORSA
21/11/2019 15:44
Zalando
ECONOMIA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
«Rischi per Eurozona nel breve termine»

Così Christine Lagarde, la presidente designata della Banca Centrale Europea, in audizione: «Rispetterò il mandato ma serve agilità per rispondere a nuove sfide»

La futura presidente della Bce, Christine Lagarde, si dice favorevole a una revisione delle regole che fissano i paletti per i bilanci nazionali ed anche alla creazione di un strumento per aiutare l'Eurozona ad affrontare momenti di difficoltà. Lo scrive il Financial Times online.

Lagarde ritiene in particolare che la revisione delle regole offrirà l'occasione «per valutare l'efficacia dell'attuale quadro normativo e discutere delle opzioni per la sua riforma». Si apre dunque nel segno della continuità con le politiche di Mario Draghi il mandato di Lagarde alla guida della Banca Centrale Europea. La direttrice uscente del Fondo Monetario Internazionale, nominata a luglio dal consiglio europeo e in attesa della formalizzazione dell'incarico che arriverà ad ottobre, oggi è intervenuta per la prima volta nella sua nuova veste in audizione dinanzi al Parlamento europeo. Lagarde ha spiegato quindi che da banchiera centrale «rispetterà l'impegno previsto dal mandato dell'istituto monetario, ma utilizzando agilità per adattarsi alla situazione economica». Si è detta d'accordo con il consiglio direttivo sulla necessità di mantenere «una politica monetaria molto accomodante per un lungo periodo di tempo».

«Sono d'accordo con il board della Bce: è giustificato proseguire una politica accomodante per lungo periodo per arrivare a un'inflazione sotto il 2% ma vicina al target - ha detto nel suo intervento -. Spero di non dovere mai dire 'whatever it takes'
» ha comunque rimarcato citando la parole con cui Draghi aveva rassicurato i mercati nel luglio del 2012. Lagarde si è impegnata a rispettare il mandato della Banca centrale europea «come stabilito dal trattato», ma ha promesso "agilità nel rispondere alle nuove sfide». «Se confermata come presidente rispetterò il mandato, ma usando l'agilità per adattarsi al mondo nel momento in cambia attorno a noi», ha detto.
04-09-2019


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy