METEO
BORSA
21/11/2019 15:46
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
L'Umbria va a destra, trionfa la leghista Tesei

Vantaggio netto della nuova governatrice, 57,4%, su Vincenzo Bianconi, 37,5, centro sinistra. Sconfitta netta per la coalizone Pd-M5S. Salvini: ora via il governo

L'Umbria vira nettamente a destra. Alle elezioni regionali trionfo per Donatella Tesei, candidata di una coalizione a trazione leghista (la Lega prende circa il 38%). Sconfitta di 20 punti la coalizione di centrosinistra con Partito democratico e M5S. Oltre alla Lega, exploit di Fratelli d'Italia: il partito di Giorgia Meloni ottiene il 10,4% dei voti.

Quanto alle singole forze politiche si registra anche il crollo del M5S al 7,4%, mentre Fi si attesta al 5,47. Il Pd è al 22,4%. L'affluenza è stata del 64,42%, di 8,99 punti superiore a quella registrata nel 2015. In provincia di Perugia l'affluenza è stata del 64,66% (56,31 nella precedente consultazione) e in quella di Terni del 63,72% (52,92%). Gli altri candidati: il civico Claudio Ricci, con il 2,64; Rossano Rubicondi (Partito Comunista) con l'1,01%, Emiliano Camuzzi (Potere al Popolo, Partito Comunista Italiano) con lo 0,86%; Martina Carletti (Riconquistare l'Italia) 0,20%; Antonio Pappalardo (Gilet Arancioni) 0,13; Giuseppe Cirillo (Partito delle buone maniere) 0,1%;

Esulta Salvini: «Impresa storica, il governo ha i giorni contati». «Con gioia, commozione e felicità ripenso a chi aspettava da 50 anni un cambio in regione - dice il leader della Lega al fianco di Tesei -. Sono dati incredibili, in alcuni seggi Donatella è sopra il 60 e la Lega sopra il 40. Sei mesi fa chi pensava di festeggiare una festa di democrazia come questa? Gli umbri hanno potuto votare a differenza che a livello nazionale. E' l'inizio di un percorso, non sarà facile. Ci sono il voto in Emilia, in Calabria, in Campania... Avete votato e scelto la libertà a nome di 60 milioni di italiani. Perché per i signori Conte, Di Maio, Renzi e Zingaretti che sono momentaneamente e abusivamente occupanti del Governo nazionale i giorni sono contati». E poi attacca Conte: «Un premeir che dice che il voto degli umbtri conta poco o niente è un omino». In realtà il presidente del Consiglio ha sottolineato che le elezioni regionali «non sono un test nazionale».

«Ringrazio gli umbri che hanno dato una prova di grandissima maturità e di coraggio», dice Donatella Tesei appena appresi i risultati. «Non era per niente facile e scontato». Tesei parlato quindi di «necessità di cambiamento espressa dagli umbri». «Governare la regione non sarà facile». «Ci sarà una squadra sicuramente all'altezza di questo compito. Da martedì iniziamo a lavorare per l'Umbria». Il candidato del centro sinistra Vincenzo Bianconi le ha telefonato «per congratularsi» per la vittoria.

Dal fronte opposto si prende atto del ko: «Il patto civico per l’Umbria lo abbiamo sempre considerato un laboratorio, ma l’esperimento non ha funzionato - dicono dal M5S -. Il Movimento nella sua storia non aveva mai provato una strada simile. E questa esperienza testimonia che potremo davvero rappresentare la terza via solo guardando oltre i due poli contrapposti». «La sconfitta è netta e conferma una tendenza negativa del centrosinistra consolidata in questi anni in molti grandi Comuni umbri che non si è riusciti a ribaltare - è il commento del segretario Pd Nicola Zingaretti -. Il risultato intorno a Bianconi conferma, malgrado scissioni e disimpegni, il consenso delle forze che hanno dato vita all'alleanza».
28-10-2019


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy