METEO
BORSA
30/05/2020 19:48
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Trieste Film Festival
Coronavirus, oltre 263 mila decessi nel mondo

Stati Uniti, 2.073 morti in Usa in 24 ore, in totale 73 mila. Cina, nessun contagio locale, 2 «importati». Brasile, positivo il portavoce del presidente Bolsonaro

Sono più di 263mila le persone che hanno perso la vita dopo aver contratto il Covid-19 nel mondo e oltre 3,7 milioni quelle contagiate. I dati sono della Johns Hopkins University, che parla di 263.831 vittime a livello globale e di 3.755.341 casi. In Europa, il Paese più colpito in termini di morti è la Gran Bretagna con 30.150 decessi, mentre per quanto riguarda i contagi il numero maggiore si registra in Spagna, dove si contano 220.325 casi.

«Con un totale di 1,6 milioni di casi e quasi 150.000 decessi, la Regione europea» dell’Organizzazione mondiale della sanità «rappresenta il 45% dei casi e il 60% dei decessi globali associati a Covid-19». Lo dichiara Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). «Sono trascorsi più di 3 mesi da quando il nuovo coronavirus è arrivato nella nostra Regione, oltre 2 mesi da quando l’Europa ha documentato per la prima volta la trasmissione di comunità e poco più di un mese da quando abbiamo osservato che il virus si spostava verso Est attraverso la Regione europea», e ha ricordato «ogni nonna, nonno, madre, padre, sorella, fratello, figlio o figlia durante questo periodo»

Negli Usa i morti per coronavirus nelle ultime 24 ore sono 2.073. I contagiati sono 1,2 milioni, mentre il numero complessivo dei decessi ha superato i 73 mila. Sono invece 614 i morti in Brasile, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Lo ha rivelato il ministero della Salute, precisando che le vittime totali sono 8.535. Numero record anche per i contagi: 10.381 in un solo giorno, per un totale di 125.096 casi confermati. Intanto il portavoce del presidente brasiliano Jair Bolsonaro è risultato positivo. Lo ha reso noto il governo confermando l’ennesimo caso di contagio nell’entourage del presidente, che rifiuta di adottare le misure di distanziamento sociale. Da quando è scoppiata l’epidemia sono più di 20 gli alti funzionari di Bolsonaro contagiati, tra cui il capo delle comunicazioni, Fabio Wajngarten, e il ministro della Sicurezza nazionale, Augusto Heleno.

La Cina intanto critica gli Usa per i «commenti discordanti, falsi e non sinceri», dopo che il presidente Trump è tornato a prendere di mira Pechino attaccandone la gestione della pandemia. «Sollecitiamo la parte Usa a smettere di provare a spostare la colpa sulla Cina e a passare ai fatti», ha detto la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, nella conferenza stampa quotidiana, a proposito delle affermazioni del tycoon secondo cui il virus poteva essere fermato in Cina. Nel Paese non si segnalano nuovi casi di trasmissione locale del virus, ma si registrano due casi «importati» di coronavirus, uno a Shanghai e l’altro nella provincia meridionale di Guangdong. Il bilancio ufficiale è dunque fermo a 4.633 morti, mentre il numero dei contagi sale a 82.885.

In Francia a partire dall’11 maggio prenderà avvio «un processo molto graduale, che durerà almeno diverse settimane» per riaprire il Paese dopo il lockdown. A dirlo è il primo ministro Edouard Philippe, parlando della prossima fase come di una «nuova tappa contro l’epidemia». La riapertura della Francia avverrà a due velocità: in modo più deciso e rapido per i dipartimenti dove i contagi hanno rallentato a sufficienza (identificati con il colore verde), in modo più cauto in quelli ritenuti ancora a rischio (rosso), come l’Ile-de-France, la regione di Parigi, dove l’epidemia è calata «ma non quanto sperato». Negli altri dipartimenti, invece, ancora oggi «il virus circola ancora attivamente»: per loro, quindi, dall’11 maggio «l’uscita dal confinamento è possibile», ma con «alcune restrizioni»: «Niente apertura di scuole, parchi e giardini».

In Sud Corea sono stati registrati quattro nuovi casi di contagio, tra cui uno locale, il primo da sabato. Gli altri sono importati. In totale, sono 10.810 i casi confermati nel Paese. Il bilancio delle vittime è di 256.
07-05-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy