METEO
BORSA
30/05/2020 21:25
Trieste Film Festival
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Recovery Fund, controproposta dei rigoristi

Austria, Paesi Bassi, Svezia e Danimarca sul piano franco-tedesco: no ai contributi a fondo perduto, invece solo prestiti e con impegno su riforme e conti pubblici

Il Recovery Fund non deve «portare a alcuna mutualizazzione del debito", ma limitarsi a "prestiti a condizioni favorevoli a beneficio degli Stati membri in stato di necessita'" in cambio di "un forte impegno a riforme e al quadro di regole fiscali".

Sarebbe questa la proposta avanzata dal gruppo dei "4 frugali", o rigoristi - Austria, Olanda, Danimarca e Svezia - in un non-paper sul Recovery Fund e il bilancio 2021-2027 dell'Ue, riportato dalle agenzi di stampa Agi in Italia. Stando al documento, i quattro Paese si dicono convinti che non sia possibile dire sì «a nessuno strumento o misura che porti alla mutualizzazione del debito o a un aumento significativo del bilancio Ue. Il nostro obiettivo è fornire finanziamenti temporanei attraverso il quadro finanziario pluriennale e offrire prestiti favorevoli a chi è stato più gravemente colpito dalla crisi», si legge ancora nel non-paper di Austria, Olanda, Danimarca e Svezia. I quattro propongono di istituire un "Emergency Recovery Fund" della durata limitata a due anni. Il Fondo non deve «portare a alcuna mutualizzazione del debito», ma fornire «prestiti a condizioni favorevoli a beneficio degli Stati membri in stato di necessità, limitando al contempo il rischio di tutti gli Stati membri e fornendo incentivi sani», «il sostegno alla ripresa dovrebbe assicurare che tutti gli Stati membri siano meglio preparati per la prossima crisi. Un forte impegno alle riforme e al quadro di regole fiscali è essenziale per promuovere la crescita potenziale».

Sul piano dei quattro si registra però il no del governo italiano. «Una recessione così dura richiede proposte ambiziose e innovative come il Recovery Fund. A rischio ci sono mercato interno e i suoi benefici per tutti gli europei. Il documento dei paesi "frugali" è difensivo e inadatto. Serve più coraggio il 27 maggio dalla Commissione europea», ha scritto su Twitter il ministro per gli Affari Europei Enzo Amendola.
23-05-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy