METEO
BORSA
08/07/2020 01:01
Zalando
HI-TECH
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Nasa-SpaceX, partito il razzo di Musk

Il meteo ha tenuto in forse fino all’ultimo il decollo davanti a Trump. Gli Usa dopo 9 anni hanno lanciato un loro razzo. «Abbiamo fatto la storia, inizia nuova era»

«Abbiamo fatto la storia, inizia una nuova era». Così viene salutato, alla Nasa, il lancio di Demo-2, la prima missione tutta americana lanciata dal 2011 dal suolo Usa, realizzata da una compagnia privata, la Space X di Elon Musk, per portare in orbita due astronauti americani diretti alla Stazione spaziale internazionale (Iss).

I dubbi sul lancio sono rimasti all'ultimo: fino a 40 minuti prima della partenza, infatti, sulla rampa di lancio 39/A di Cape Canaveral, quella storica dei lanci Apollo e Shuttle. Poi il cielo si è rischiarato e la Nasa ha dato il via libera alla prima missione umana da quasi 10 anni. Presente il presidente Donald Trump e il suo vice Pence, tornati anche oggi a vedere il lancio, mancava solo la first lady Melania. I due astronauti - Behnken 49 anni, Hurley 53 - hanno di fronte a loro 19 ore di viaggio prima di agganciare la Iss, a circa 400 chilometri di altezza sopra la superficie della Terra. «Accendiamo questa candela», ha detto Hurley pochi secondi prima della partenza, utilizzando la stessa frase pronunciata da Alan Shepard il 5 maggio 1961, primo americano a volare nello spazio in una missione suborbitale con la capsula Freedom 7.

Per portare in orbita la capsula è stato utilizzato un Falcon 9 rivisitato. Per la prima volta infatti, su un lato del razzo è stato dipinto il vecchio logo della NASA: il “worm”. E sotto esplicita richiesta della NASA, il Falcon 9 utilizzato per questo lancio non aveva mai volato prima, a differenze di quelli utilizzati nelle ultime missioni. L’agenzia spaziale aveva infatti richiesto la massima affidabilità per la missione. Ora anche di questo razzo sarà in futuro riutilizzato, dato il suo rientro dopo poco più 9 minuti dalla partenza: il riatterraggio è riuscito perfettamente quando il primo stadio è atterrato sulla chiatta OCISLY in mezzo al mare, a 510 km dalla costa.
31-05-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy