METEO
BORSA
08/07/2020 00:49
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Migranti, 28 positivi su nave Moby in Sicilia

Il caso a Porto Empedocle. Inizialmente si sospettava caso di tubercolosi. Poi l'esito del tampone ha fatto chiarezza. Il sindaco: rischiamo epidemia. Viminale: sicurezza garantita

Sono 28 i migranti, salvati in acque internazionali dalla nave Sea Watch e imbarcati sulla nave-quarantena Moby Zazà che è in rada a Porto Empedocle (Agrigento), che sono risultati positivi al Covid-19 su un totale di 209 migranti presenti e tamponati.

Martedì sera, era stato reso noto che uno dei migranti sbarcati dalla Sea Watch era stato ricoverato a Malattie infettive dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Inizialmente si sospetta un caso di tubercolosi. Poi l'esito del tampone ha fatto chiarezza. «Voglio andare fino in fondo, capire cosa è avvenuto. Perché a una nave Ong è stato concesso di sbarcare a Porto Empedocle, che fino a poco tempo fa era considerato un porto non sicuro. Perché i migranti non sono stati trasbordati sulla nave-quarantena a largo, invece di arrivare sulla banchina. La mia comunità è stata esposta al pericolo di un'epidemia - così la sindaca di Porto Empedocle, Ida Carmina -. Il clima nel mio paese è abbastanza surriscaldato. Siamo costantemente esposti a un pericolo. Per fortuna è stata approntata».

Rispondono fonti del Viminale: «Le procedure adottate per i migranti sbarcati dalla nave Sea Watch e accolti per la quarantena obbligatoria a bordo del traghetto Moby Zaza, ancorato nella rada di Porto Empedocle, garantiscono la piena tutela della sicurezza sanitaria del Paese». Viene anche precisato che «tutti i migranti sono stati sottoposti fin dal loro arrivo alle procedure previste dalle linee guida sul sistema di isolamento protetto elaborate dalla direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute». «L'allerta è partita dopo che un caso asintomatico è stato segnalato dal personale medico di bordo alle autorità prima dello sbarco. Pur non avendo ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dalle autorità sanitarie, oggi abbiamo richiesto un secondo tampone per il nostro equipaggio, che già si era sottoposto al test prima della partenza, con esito negativo». Scrive infine Sea Watch.
24-06-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy