METEO
BORSA
08/07/2020 01:21
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Coronavirus, oltre 9,4 mln di casi nel mondo

Oms: «Prepariamoci alla seconda ondata in autunno, i casi in Europa aumentano. I viaggi? Con saggezza». Usa, quasi 36mila nuovi casi in 24 ore. India, 17.000 contagi in un giorno

I casi di coronavirus a livello globale superano ormai la soglia dei 9,4 milioni. I contagi sono ora 9.408.757, inclusi 482.184 morti. I guariti sono 4.729.511. Boom di casi nelle ultime 24 ore in Brasile (più di 42mila) e in Usa (36mila).

«Tutti non vediamo l'ora di avere un break estivo. La decisione di quando e dove viaggiare deve essere presa a livello individuale, sulla base di dove si vive e di dove si vuole andare». Così Catherine Smallwood, responsabile emergenze dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in Europa, in conferenza stampa.

La stessa Smallwood spiega che «bisogna seguire i consigli delle autorità sanitarie e fare scelte sagge, soprattutto considerando chi deve viaggiare, se ci sono soggetti vulnerabili o anziani». Intanto, però, scatta l'allarme su una seconda, possibile ondata in autunno. «Esistono informazioni attendibili su dove il virus è più presente - ha proseguito l'esperta - sui siti delle autorità sanitarie nazionali e su quello dell'Oms. Ci sono ancora rischi associati al coronavirus in molte aree della regione europea e bisogna considerare questi rischi, badando a chi viaggia, da dove si parte e dove si va. Bisogna in ogni caso evitare le situazioni in cui non è possibile mantenere il distanziamento fisico. La scelta insomma deve essere individuale, saggia e basata sui consigli delle istituzioni sanitarie». E il direttore regionale per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità Hans Kluge ammonisce: «Ancora oggi abbiamo picchi di contagi nella prima ondata in molti paesi. Siamo ancora nella prima ondata, ma dobbiamo prepararci per l'autunno, quando Covid-19 incontrerà influenza stagionale e polmoniti. Il virus circola ancora attivamente, e non abbiamo farmaci e vaccini specifici efficaci».

I casi di coronavirus a livello globale infatti hanno superato la soglia dei 9,4 milioni: è quanto emerge dal conteggio della Johns Hopkins University: secondo i dati aggiornati dell'università americana i contagi nel mondo sono ora 9.408.757, inclusi 482.184 morti. Le persone guarite sono 4.729.511. Negli Usa, 35.900 nuovi casi di coronavirus in 24 ore, un numero record da fine aprile e uno dei più alti finora rilevati dall'inizio dell'epidemia. Le vittime sono 756. Numeri pesanti anche in India: i casi totali sono saliti a 473.105, con 14.894 decessi; i pazienti guariti o dimessi dagli ospedali sono 271.696; i casi attivi sono 183.022. Secondo i dati resi noti questa mattina dal ministero della Sanità, nelle ultime 24 ore è stato registrato un nuovo record di incremento giornaliero, con quasi 17 mila nuovi casi (16.922), e 418 decessi; da sei giorni consecutivi i positivi aumentano di almeno 15 mila ogni 24 ore.
25-06-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy