METEO
BORSA
01/10/2020 14:57
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Coronavirus, l'Ue riapre le frontiere: ok a 15 Paesi

Nella lista, al momento, c'è la Cina, ancora no a Usa e Russia. La lista verrà aggiornata ogni due settimane. Per Pechino apertura solo in caso di reciprocità

Da mercoledì primo luglio l'Unione europea riapre le sue frontiere esterne a 15 Paesi terzi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e Cina (quest'ultima a condizione di reciprocità).

I residenti di Andorra, Monaco, San Marino e Vaticano dovrebbero essere considerati residenti nell'Ue ai fini della presente raccomandazione, si legge nella nota. Restano dunque fuori dall'elenco Russia e Stati Uniti. La notizia arriva in mattinata dal Consiglio europeo, la cui raccomandazione non è uno strumento giuridicamente vincolante. La lista verrà aggiornata ogni due settimane.  I criteri per determinare i Paesi terzi per i quali l'attuale limitazione di viaggio dovrebbe essere revocata riguardano in particolare la situazione epidemiologica e le misure di contenimento, comprese le distanze sociali, nonché le considerazioni economiche e sociali e sono applicati cumulativamente.

L’Italia però valuta l’ipotesi di non aprire le frontiere esterne ai 15 Paesi extra-Ue compresi nella lista approvata. Anche su suggerimento del ministro della Salute, Roberto Speranza, il governo è orientato a non correre rischi ed evitare l’apertura dei confini alle nazioni selezionate a livello europeo che da domani, primo luglio, potranno riattivare i collegamenti con l’Unione sospesi il 17 marzo causa Covid.
30-06-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy