METEO
BORSA
25/09/2020 14:59
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Migranti, Musumeci pronto allo scontro col governo

«Roma vuole creare campi di concentramento». La Regione siciliana, dice, ha richiesto più volte al governo «di destinare le navi alla quarantena dei migranti»

Il governatore siciliano Nello Musumeci accusa Roma di non fare nulla per risolvere l'emergenza migranti nella sua Regione anzi, rincara, «il governo centrale trova la soluzione: creiamo campi di concentramento, che chiamano tendopoli in un deposito militare a Vizzini, abbandonato da anni. Ci troviamo con tende che ricordano luoghi e scene da dimenticare assolutamente».

Con l'ordinanza per chiudere gli hot-spot e allontanare i loro ospiti «ci stiamo occupando di materia sanitaria, non migranti», che sono «sono esseri umani, e quella promiscuità disarmante è davvero un delitto», prosegue il presidente della Regione siciliana. «In quei locali, le norme anti-Covid non sono rispettate, non sono mai state rispettate. Il Viminale dice "le competenze sono nostre" sui migranti: Bene, esecitatele! - continua Musumeci - e diteci se è vostra anche la competenze sanitaria. Se è vostra, allora siete fuorilegge».

Musumesi scandisce che la Regione Sicilia ha richiesto più volte al governo «di destinare le navi alla quarantena dei migranti, almeno quelli trovati positivi, al posto di lasciarli negli hot-spot», ricordando anche che all'esecutivo è stata posta anche «la grave situazione sanitaria dell'hot-spot di Messina, invitando il governo ad intervenire: nulla di tutto questo è avvenuto».
24-08-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy