METEO
BORSA
25/09/2020 15:29
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
«Siamo dispiaciuti, non l'abbiamo toccato»

«Abbiamo fatto da pacieri» si difendono i quattro arrestati e accusati della morte di Willy. C'è il dubbio che si è infierito sul ragazzo per il colore della pelle

Gli arresti seguiti alle indagini-lampo non hanno posto la parola fine alle indagini sulla tragica morte di Willy Monteiro Duarte, ucciso brutalmente a Colleferro, non lontano da Roma: gli inquirenti starebbero valutando infatti se è possibile aggiungere le aggravanti razziali. Lo scrive Repubblica.

Stando alle ricostruzioni al momento al vaglio degli inquirenti, il giovane è morto dopo essere stato picchiato a sangue mentre tentava di placare una rissa. Inutile l'intervento dei sanitari del 118, Willy è giunto in ospedale senza vita. I presunti colpevoli hanno tra i 22 e i 26 anni. Devono rispondere di omicidio preterintenzionale. Si tratta di Mario Pincarelli 22 anni, Francesco Belleggia di 23, Marco e Gabriele Bianchi rispettivamente di 24 e 26 anni. Ma gli investigatori valutano se anche il colore della pelle del ragazzo abbia avuto un ruolo in questa tragedia, sempre secondo quanto scrive Repubblica.

Ma nell'interrogatorio davanti al gip, i fratelli Bianchi si difendono: «Non lo abbiamo toccato. Respingiamo ogni accusa. Siamo intervenuti per dividere, abbiamo visto un parapiglia e siamo arrivati». È quanto hanno detto Marco e Gabriele Bianchi durante l'interrogatorio di convalida dell'arresto. «Le telecamere hanno ripreso solo l'arrivo e la partenza dell'auto dove a bordo erano presenti i fratelli Bianchi ma non hanno ripreso la scena della rissa» dichiara l'avvocato Massimiliano Pica al termine dell'interrogatorio davanti al gip di Velletri. «Tutto sarebbe iniziato davanti al locale il "Due di picche" tra due persone. È partito uno schiaffo per un apprezzamento ad una ragazza. La lite poi si sarebbe protratta fino all'edicola dove poi è successo il fatto. I fratelli Bianchi sono arrivati dopo perché erano andati a prendere degli amici che li avevano chiamati per andare a casa», ha spiegato il difensore.
08-09-2020

ARTICOLI CORRELATI
Morte Willy, potrebbero esserci altri indagati
 
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy