METEO
BORSA
25/09/2020 14:52
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
«Se falliamo sul Recovery Fund avete diritto di mandarci a casa»

Così il presidente del Consiglio a Norcia, dove non guarda alle elezioni regionali. «La vera sfida è quella della ripartenza». E respinge le voci su un possibile rimpasto

Il premier Giuseppe Conte a sorpresa, in mattinata, all'Istituto Tecnico e Liceo Classico “Roberto Battaglia” di Norcia. A gennaio scorso, professori, personale Ata e studenti avevano protestato davanti a palazzo Montecitorio il loro disagio, per poi essere accolti dal presidente del Consiglio nel cortile di Palazzo Chigi.

Dopo l'inaugurazione della nuova scuola, in via Lombrici, avvenuta ieri, a due passi dal centro storico, un taglio del nastro accompagnato dall'entusiasmo di studenti e docenti. Il premier è stato accolto dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. Conte si è fermato a parlare da una finestra aperta con un'insegnante che ha interrotto la lezione per salutare il presidente, Prima ancora che facesse il suo ingresso nell'istituto insieme al commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini.

«È bello vedere che anche a livello europeo abbiano chiamato il grande piano di intervento per i paesi più sofferenti "Next generation", è un progetto per voi. Tutti stanno mettendo a punto i piani, il nostro è già in fase avanzata di studio e approfondimento ed è dedicato a voi. Se noi perderemo questa sfida, voi avete il diritto di mandarci a casa», ha detto Conte rivolgendosi agli studenti.
15-09-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy