METEO
BORSA
23/10/2020 23:48
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Prof decapitato a Parigi, s'indaga anche tra gli studenti

I media: la zia di una sua allieva sarebbe membro dell'Isis. Pronto il mandato di cattura per la donna che «è partita per la Siria» dopo «il giuramento di fedeltà»

Per gli inquirenti francesi, fa parte dell'Isis «la sorellastra del padre di un'allieva» del professore decapitato a Parigi. Si tratta della studentessa «che ha pubblicato su Youtube il video» di protesta contro la lezione dell'insegnante sulla libertà d'espressione. La donna, ha detto il procuratore antiterrorismo Jean-Francois Ricard, «ha fatto giuramento di fedeltà allo Stato islamico ed è partita per la Siria. È oggetto di mandato di cattura».

L'agguato è partito alla fine delle lezioni, nel pomeriggio: il giovane ha decapitato il professore con un coltello gridando "Allahu Akhbar". Le immagini dell'insegnante decapitato sono poi state postate sul profilo Twitter dell'aggressore con un messaggio di rivendicazione: "Allah, ho ucciso un cane dell'Inferno che ha osato infangare il tuo nome". Il giovane è stato ucciso, dopo un inseguimento, con dieci colpi di arma da fuoco. Fermate 9 persone, tra cui un minorenne.

Il 5 ottobre, alcuni genitori di studenti del professore, si erano lamentati con la scuola per la lezione tenuta in classe, con l'insegnante che - parlando della libertà d'espressione - aveva mostrato le caricature di Maometto all'origine di tutte le minacce della jihad contro la Francia dai tempi della strage alla redazione di Charlie Hebdo, nel gennaio 2015. Tre settimane fa, prima dell'attacco davanti alla ex redazione del settimanale (due i feriti per mano di un ragazzo pachistano), il giornale satirico aveva ripubblicato le vignette per celebrare l'apertura del maxiprocesso ai fiancheggiatori dei killer del 2015.

«Un nostro connazionale è stato assassinato perché insegnava, perché ha predicato a degli allievi la libertà d'espressione, la libertà di credere e quella di non credere. Il nostro connazionale è stato vigliaccamente attaccato, è stato la vittima di un chiaro attentato terrorista islamico». Così il presidente francese Emmanuel Macron.
17-10-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy