METEO
BORSA
27/11/2020 18:33
SPETTACOLO
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
L'addio a Gigi Proietti, ottant'anni oggi

Era ricoverato da due settimane nella clinica romana Villa Margherita per gravi problemi cardiaci. Ieri le sue condizioni sono peggiorate. L'affetto sui social

Addio a Gigi Proietti, che oggi avrebbe compiuto 80 anni. Il noto attore romano è deceduto a Roma all'alba. Le sue condizioni si erano aggravate ieri sera, dopo essere ricoverato due settimane fa nella clinica Villa Margherita per gravi problemi cardiaci. «Nelle prime ore del mattino è venuto a mancare all'affetto della sua famiglia Gigi Proietti - hanno fatto sapere la moglie e le figlie -. Nelle prossime ore daremo comunicazione delle esequie», hanno spiegato Sagitta, Susanna e Carlotta.

Nella tarda serata di domenica Proietti è stato sedato, e intorno alla mezzanotte la famiglia ha lasciato la clinica. Poi, come accennato, intorno alle 5,30 il decesso. Nato a Roma il 2 novembre 1940, durante l'università si avvicina al teatro sperimentale fino a quando, nel '66, passa per il grande e piccolo schermo nel ruolo di un maresciallo dei carabinieri, interpretando un personaggio di straordinario successo nella serie tv "Il maresciallo Rocca". Il primo ruolo da protagonista al cinema glielo darà Tinto Brass nel '68 nel suo film "L'urlo". Il primo vero successo per Proietti arriva però nel 1970 quando viene improvvisamente chiamato a sostituire Domenico Modugno, che aveva avuto un incidente, nella parte di Ademar nella commedia musicale di Garinei e Giovannini "Alleluja brava gentèe". Nel 1967 sposa un'ex guida turistica svedese, Sagitta Alter, dalla quale ha due figlie: Susanna e Carlotta, anche loro attrici.

In tv poi fa anche il varietà da Fatti e fattacci a Fantastico ma il teatro la sua casa: fa rivivere Shakespeare al Globe Theatre, incoraggia i giovani attori come faceva nella sua celebre scuola (dove ha avuto allievi Flavio Insinna, Giorgio Tirabassi e altri ancora). Un talento unico, che passa da Febbre di cavallo al doppiaggio: è la voce di Gatto Silvestro, in coppia con Loretta Goggi (che fa il canarino Titti), e alle star: Richard Burton, Richard Harris, Marlon Brando, Robert de Niro e Dustin Hoffman. Doppia Sylvester Stallone che grida "Adrianaaaaa!", nel primo Rocky. Di recente aveva partecipato alla nuova stagione di Ulisse con Alberto Angela.
02-11-2020

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy