METEO
BORSA
27/11/2020 17:58
ECONOMIA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Consumi, Confcommercio: calo a ottobre dell'8%

Gelata dopo la netta ripresa registrata nel terzo trimestre. Per il mese di novembre si stima una riduzione del Pil del 7,7% su ottobre e del 12,1% nel confronto annuo

Nuovo allarme da Confcommercio sul fronte consumi, scesi ad ottobre, secondo l'indice congiunturale calcolato dall'associazione dell'8,1% rispetto allo stesso mese del 2019. La gelata arriva dopo la forte ripresa registrata nel terzo trimestre. Il rallentamento riguarda soprattutti la filiera del turismo, servizi ricreativi (-73,2%), alberghi (-60%), bar e ristoranti (-38%). Per il mese di novembre si stima una riduzione del Pil del 7,7% su ottobre e del 12,1% nel confronto annuo.

Secondo Confcommercio, le dinamiche registrate negli ultimi due mesi portano a stimare preliminarmente una decrescita congiunturale del Pil nel quarto trimestre superiore al 4%. Queste valutazioni non comporterebbero modifiche nella dinamica complessiva del Pil per il 2020 (tra il -9% e il -9,5%), grazie a un terzo trimestre decisamente più favorevole rispetto alle stime, ma implicherebbero un'entrata più lenta nel 2021, facendo svanire le più previsioni di rimbalzo per l'anno prossimo.

«L'aggravarsi della pandemia e nuovi lockdown pesano sulla nostra economia già provata dalla crisi. Ne risentono i consumi e crescono i rischi per l'atteso rimbalzo del Pil nel 2021. Preoccupa, inoltre, la stretta del credito imposta dalle nuove regole dell'Unione europea. Occorre una reazione più forte subito: indennizzi adeguati per le imprese e moratorie fiscali e creditizie. Nello stesso tempo chiediamo che legge di Bilancio e Piano di ripresa puntino sugli investimenti necessari a rimettere in moto produttività e crescita a vantaggio di più coesione sociale». Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, commentando la Congiuntura dell'Ufficio Studi della Confederazione diffusa oggi.
17-11-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy