METEO
BORSA
27/11/2020 18:04
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
«Vaccino è sicuro, rispettate le fasi di validazione»

Così l'Aifa. Screening di massa in Alto Adige: solo l'1% positivo. Gravina di Puglia chiude le scuole. Ippolito (Cts): «A Natale pochi invitati e senza spostamenti»

Il vaccino in arrivo per il coronavirus è sicuro, poiché «tutte le fasi di validazione e valutazione sono rispettate, nessuna tappa è stata saltata». A dirlo è Nicola Magrini, direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Intanto scende ulteriormente a 1,0% la percentuale dei positivi allo screening di massa in corso da venerdì in Alto Adige. Ieri sera era la percentuale era 1,3. Alle ore 10 di domenica si sono già sottoposti al tampone rapido 269.901 cittadini, dei quali 2.626 sono risultati contagiati. I tamponi a tappeto, che vengono effettuate in 116 Comuni, dove sono state allestite 600 linee di test, proseguono tutta la giornata. L’obbiettivo è di effettuare 350.000 test, raggiungendo così il 70% circa della popolazione altoatesina.

Da domani e fino al 3 dicembre il Comune di Gravina in Puglia ha disposto la chiusura di tutte le scuole, comprese quelle dell'infanzia.
«La pandemia è fuori controllo - annuncia il sindaco Alesio Valente -. Nella Murgia abbiamo uno degli indici di contagio più alti della provincia di Bari". Solo per quanto riguarda le scuole, il sindaco fa sapere che sono 70 i docenti attualmente positivi o in quarantena con 55 classi messe in isolamento solo nell'ultima settimana, 20 delle quali della scuola dell'infanzia».

«Il governo deciderà le misure tenendo conto del monitoraggio. In ogni caso escludo che si debba arrivare a un tana liberi tutti. Non è perché è Natale che si debbano usare misure diverse - ha spiegato in mattinata Giuseppe Ippolito, componente del Cts, sulle misure anti-Covid previste per le festività -. Un modo sicuro è riunirsi a casa e limitare gli invitati ai familiari più stretti. Gli spostamenti da una parte all'altra del Paese non sono una buona scelta».
22-11-2020


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy