METEO
BORSA
05/08/2021 03:45
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Morto Franco Marini stroncato dal Covid

Aveva 87 anni, ed era il “lupo marsicano” della politica, accompagnando i cattolici democratici nel nuovo secolo. Disse: «La Dc? Un mostro positivo»

Addio a Franco Marini. Il "lupo marsicano" della politica se n’è andato a 87 anni, stroncato dal Covid, a Terni, la città dove era cresciuto e dove amava stare negli ultimi tempi. «La Dc? Era un mostro positivo». Questo dei commenti che più viene citato in queste ore. Ex presidente Senato, è stato anche Ministro del Lavoro, oltre che Segretario generale della CISL e Segretario nazionale del PPI. Nel 2013 stava per essere eletto Presidente della Repubblica ma fu impallinato dai franchi tiratori, un dolore per lui molto forte.

Unanime il cordogolio della politica nazionale. Su tutti, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «La morte di Franco Marini mi addolora profondamente. Rivolgo un pensiero di grande vicinanza ai familiari e a quanti hanno condiviso con lui percorsi di vita e ideali. Franco Marini è stato un eminente esponente della Repubblica. Espressione del mondo del lavoro portò le istanze dei lavoratori italiani sino alla più alta carica alla quale venne eletto, quella di Presidente del Senato. Apparteneva alla schiera di quanti hanno saputo trasfondere nelle istituzioni la passione e il valore di aspirazioni autentiche maturate fra la gente. Non dimenticò mai le battaglie sociali che hanno costantemente caratterizzato la sua vita. In essa possiamo leggere l’ansia di riscatto delle popolazioni delle periferie del Paese, il contributo alla modernizzazione dell’Italia nel segno del progresso, la rigorosa testimonianza di chi poneva i principi del cattolicesimo democratico al servizio della crescita, della coesione e della giustizia sociale. Dalla Cisl alle istituzioni, da Ministro del Lavoro poi nel Parlamento, poi nella responsabilità di Segretario del Partito Popolare Italiano: il suo contributo, in una fase di transizione della società italiana, è sempre stato connotato dalla intransigente difesa delle ragioni dei più deboli e della libertà dei corpi sociali nel quadro della Costituzione: credeva fermamente nella loro funzione. È stato esempio di un impegno politico onesto e autentico».
09-02-2021


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy