METEO
BORSA
03/03/2021 12:31
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Ue: altri 300 milioni di dosi del vaccino da Moderna

La variante inglese è «sulla via di diventare dominante nell'Ue sulle versioni precedenti», e la Commissione Europea lancia un piano di preparazione alla bio-difesa, ribattezzato Hera Incubator

Le varianti del coronavirus Sars-CoV-2 si stanno diffondendo rapidamente nell'Ue, al punto che quella britannica è «sulla via di diventare dominante nell'Ue sulle versioni precedenti», la Commissione Europea lancia un piano di preparazione alla bio-difesa, ribattezzato Hera Incubator. La presidente della Commissione Ursula Von der Leyen: «Perché la Russia offre dosi di Sputnik se non vaccina ancora tutta la popolazione?».

Il piano Hera Incubator è considerato come il primo embrione della futura agenzia Ue per la difesa biomedica Hera, che la Commissione intende creare sul modello della Barda (Biomedical Advanced Research and Development Authority), agenzia governativa Usa che ha fatto la differenza nella corsa allo sviluppo dei vaccini anti-Covid. Intanto la presidente della Commissione Ue von der Leyen, annunciando che saranno acquistati altri 150 milioni di dosi del vaccino di Moderna per quest'anno, e ne ha opzionati 150 milioni per il prossimo (che vanno ad aggiungersi ai 160 milioni acquistati l'anno scorso), spiega: «Dobbiamo accelerare le vaccinazioni, i casi di varianti Covid aumentano e ne emergono di nuove. I vaccini approvati in Ue sembrano efficaci contro le varianti ma le varianti sono più contagiose» e quindi favoriscono l'insorgere di altre.

«Sputnik non ha chiesto l'autorizzazione a Ema finora. Se lo faranno, devono presentare tutti i dati e sottoporsi allo scrutinio come gli altri. Inoltre, non producono in Ue, quindi certamente ci deve essere un'ispezione ai siti di produzione, perché dobbiamo avere standard di produzione stabili - ha detto ancora la presidente della Commissione von der Leyen -. Ma ancora ci chiediamo come mai la Russia offra milioni di dosi quando ancora non vaccina tutta la sua popolazione, questo dovrà trovare risposta».
17-02-2021

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy