METEO
BORSA
05/08/2021 02:55
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Inchiesta su mascherine cinesi vendute all'Italia

Sarebbero Ffp2 che però «filtrano solo il 36%»: per i test i certificati attestavano dati non veritieri. Sarebbero milioni i dispositivi non a norma circolanti nel nostro Paese

Mascherine Ffp2 importate dalla Cina con una capacità filtrante di appena il 36%, contro il 95% richiesto dalla norma. Lo riporta domenica il quotidiano la Repubblica, scrivendo che il lotto incriminato è a Roma, ma è già successo anche a Pomezia, Ciampino, Brindisi, Bergamo e Como. Su 553 milioni di dispositivi di protezione individuale arrivati dall'estero il 10% darebbe irregolare: le proprietà filtranti sarebbero infatti molto inferiori rispetto a quelle indicate sui documenti di accompagnamento. I Nas finora ne hanno sequestrati sei milioni.

Sempre stando a quanto scritto dal quotidiano la Repubblica, si tratta solo dell’ultimo caso di dispositivi di protezione individuale giunti dall’estero che risultano poi taroccati: su 553 milioni di prodotti complessivi provenienti da altri Paesi, circa il 10% (55 milioni, ndr) non sarebbe regolare. E non è certo un caso se nel corso dei mesi il Nas ha provveduto a sequestrare 6 milioni di DPI.
21-02-2021

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy