METEO
BORSA
27/09/2021 18:13
Zalando
POLITICA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
«Siamo uno Stato laico, non confessionale»

Così Draghi su ddl Zan e Vaticano: «Non entro nel merito, questo è il tempo del Parlamento. Ma il nostro ordinamento dà tutte le garanzie di rispetto dei principi costituzionali»

«Il nostro è uno Stato laico, non confessionale. Il Parlamento è libero di discutere e legiferare e il nostro ordinamento è in grado di dare tutte le garanzie verificare che le nostre leggi rispettino sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, tra cui il Concordato con la Chiesa». Così il premier Mario Draghi in Senato, dove è intervenuto rispetto alla richiesta del Vaticano di modificare il ddl Zan contro l'omofobia perchè violerebbe il Concordato.

Il commento del presidente del Consiglio, atteso da ieri, è arrivato nel corso delle repliche ai senatori sulle sue comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 24 e 25 giugno. «Ci sono controlli di costituzionalità preventivi nelle competenti commissioni parlamentari — ha sottolineato il capo dell’Esecutivo —. E poi ci sono controlli successivi nella Corte costituzionale». In ogni caso, ha aggiunto, Palazzo Chigi «non entra nel merito della discussione» perché «questo è il momento del Parlamento, non è il momento del governo».
23-06-2021

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy