METEO
BORSA
27/09/2021 18:58
Zalando
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
Donna scomparsa a Brescia, indagate due figlie

Laura Ziliani, 55enne, è uscita di casa l'8 maggio per una passeggiata in montagna, in Val Camonica, e non è più tornata. Ci sarebbero "incongruenze" nei racconti delle indagate

La Procura di Brescia ha iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio due delle tre figlie di Laura Ziliani, 55enne ex vigilessa a Temù e ora dipendente comunale a Roncadelle, scomparsa l'8 maggio a Temù, paese della Val Camonica. Stando a quanto riporta il "Giornale di Brescia", sarebbero alcune incongruenze nel racconto delle due figlie a far scattare l'iscrizione nel registro degli indagati.

Quel girono, Laura Ziliani è uscita di casa per una passeggiata in montagna e non è più tornata. Venne ripresa da una telecamera in paese e un testimone raccontò di averla incrociata su un sentiero. Alcuni giorni dopo la scomparsa venne ritrovata una scarpa. Oltre all'iscrizione nel registro degli indagati delle due ragazze, è stato disposto anche il sequestro dell'abitazione di Temù dove la donna si trasferiva non appena poteva. La terza figlia della donna è affetta da una grave forma di autismo.
29-06-2021


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy