METEO
BORSA
05/07/2022 15:13
Zalando
SPETTACOLO
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Agire
«Eurovision 2023 a Mariupol, faremo di tutto»

Annuncio del presidente Zelensky dopo la vittoria nella notte degli ucraini della Kalush Orchestra. Anche l'Italia ha votato per loro. Il cantante: «Pronti a combattere»

«Il nostro coraggio impressiona il mondo, la nostra musica conquista l’Europa». Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha salutato la vittoria all’Eurovision della Kalush Orchestra. «L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision, per la terza volta nella sua storia. E, credo, non per l’ultima. Faremo tutto il possibile affinché possa essere Mariupol la città ospitante».

Nel corso della finale di ieri, la band ucraina ha lanciato un appello in diretta tv: «Per favore salvate Mariupol’, salvate l’Azovstal, ora!». In precedenza, Zelensky aveva chiesto che tutta l’Europa votasse la Kalush Orchestra. Da Sony Music Entertainment fanno sapere che i proventi netti del brano verranno devoluti a un’associazione umanitaria scelta dalla band. Intanto Oleh Psjuk, il frontman della band, in conferenza stampa dopo la vittoria: «Cosa faremo al ritorno in Ucraina? Torneremo tra due giorni, è difficile dirlo. Ma come ogni ucraino siamo pronti a combattere in guerra, fino alla fine. Se il prezzo da pagare per il nostro appello fosse stata la squalifica, lo avrei pagato volentieri».

Delusione per Mahmood e Blanco: il duo italiano di Brividi non è andato oltre il sesto posto (erano settimi per le giurie). Sfuma così il sogno di due vittorie consecutive dopo l'affermazione lo scorso anno dei Maneskin. Nella classifica finale, secondo posto la Gran Bretagna (466), quindi la Spagna (459).
15-05-2022


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy