METEO
BORSA
05/07/2022 13:54
CRONACA
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Omicron 5, sintomi più lievi (ma non è influenza)

Segnalati affaticamento, tosse e febbre. Costa: «Stop isolamento positivi asintomatici. Se l'obiettivo è convivere con il virus allora dobbiamo imparare a convivere con i positivi»

La variante Omicron 5 potrebbe portare una nuova ondata estiva dei contagi con il culmine che potrebbe arrivare a fine luglio. «Non dobbiamo confondere la prudenza con la paura». L'andamento del Covid-19 va «monitorato ma senza trasmettere messaggi di troppa preoccupazione o allarmismo» perché «la situazione al momento è sotto controllo». Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa intervenendo su SkyTg24.

Secondo Costa «se l'obiettivo è convivere con il virus allora dobbiamo imparare a convivere con i positivi. Penso che dobbiamo concentrarci più sui sintomatici che non sui positivi. Continuare a cercare i positivi non è la strategia giusta», sottolineando che i numeri negli ospedali «sono ampiamente al di sotto» delle soglie. Il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all'università Statale di Milano, definendo un «messaggio distraente» quello che paragona a un'influenza mutanti di Sars-CoV-2 come Omicron 5, sulla base della sintomatologia rilevata nei Paesi a maggiore diffusione fra cui il Portogallo, spiega: «È vero, la gran parte della replicazione» delle nuove sottovarianti di Omicron come Omicron BA.5 «avviene nelle prime vie aeree», quelle superiori, «ma questo virus non si è ancora completamente raffreddorizzato. Ci sono anche casi di polmonite e di polmonite interstiziale» e quindi «non è assolutamente da sottovalutare».
21-06-2022


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy