METEO
BORSA
14/08/2022 18:04
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Taiwan: «La Cina ha simulato attacchi contro l'isola»

Rilevati quattro droni cinesi intorno all’isola di Kinmen. Blinken: «Gli Usa terranno canali aperti con la Cina». Allarme Ue: «C'è rischio di tragiche conseguenze»

Nel terzo giorno di esercitazioni militari su vasta scala intorno a Taiwan, Pechino ha simulato attacchi contro l'isola. È quanto afferma il ministero della Difesa di Taipei, affermando che sono stati rilevati oggi diversi caccia e navi dell’Esercito popolare di liberazione «intorno allo Stretto», con alcuni che «hanno attraversato la linea mediana» in una azione di «possibile attacco simulato». Le forze armate della Repubblica di Cina, dicono ancora da Taiwan, hanno utilizzato «trasmissioni di allerta, aerei, navi militari di pattuglia e sistemi missilistici terrestri in risposta a questa situazione».

Intanto l’esercito di Taiwan ha riferito che le sue che le sue unità sull’isola principale di Kinmen e in quelle vicine hanno rilevato quattro piccoli aerei senza pilota al largo della costa durante la notte di venerdì. I quattro droni sarebbero stati avvistati mentre sorvolavano Kinmen, Lieyu e l’isolotto di Beiding. In risposta, l’esercito ha sparato razzi di avvertimento per respingere i droni, che si ritiene siano azionati dall’Esercito di liberazione del popolo cinese (Pla). Sul fronte diplomatico, gli Stati Uniti manterranno canali aperti con la Cina per evitare «errori di comunicazione». Lo ha assicurato dalle Filippine il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, sottolineando che sia Washington che il mondo intero hanno un «interesse costante» nel mantenere aperto il dialogo.

«L'Ue invita tutte le parti a mantenere la calma e a esercitare moderazione, ad agire con trasparenza e a mantenere aperte le linee di comunicazione per evitare errori di calcolo che potrebbero portare a tragiche conseguenze». Questo l'appello lanciato dall'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell, al Forum regionale dell'Asean a Phnom Penh, in Cambogia. «L'Ue ha un chiaro interesse a preservare la pace e lo status quo nello stretto di Taiwan. Siamo fortemente preoccupati per le azioni della Cina, che ha lanciato missili balistici su Taiwan, molti sono atterrati nella zona economica esclusiva del Giappone».
06-08-2022


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy