METEO
BORSA
04/12/2022 23:57
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Russia: proteste e fuga degli arruolabili

Voli esauriti da Mosca e prezzi alle stelle. Lunghe code ai confini per scappare. Borrell: presto nuove sanzioni contro Mosca. Medvedev: useremo ogni arma per la difesa. Mosca: «Indecente il discorso di Biden all’Onu»

Vladimir Putin spaventa i russi, che ora contestano il presidente e vogliono lasciare il Paese. Sono più di 1.300 le persone fermate dalla polizia nelle proteste contro la «mobilitazione parziale» ordinata ieri dal presidente russo per la guerra in Ucraina: lo riporta l’ong Ovd-Info precisando che al momento ha notizia di 1.307 persone fermate in 39 città della Russia. La città col maggior numero di fermi è Mosca, dove la polizia ha trascinato nelle sue camionette 527 persone. A San Pietroburgo si registrano 480 fermi.

Dal Cremlino la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha definito «indecente» la «falsa citazione» da parte del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sulle parole di Vladimir Putin sulla «minaccia nucleare». Lo riporta Ria Novosti. «Quanto al discorso del Presidente degli Stati Uniti, ritengo assolutamente indecente come è iniziato. Il fatto è che avrebbe iniziato a «citare il presidente della Russia. Noi, come sempre, abbiamo iniziato a ricontrollare le parole di Biden. Biden lo ha detto di sicuro, ma il presidente della Russia non l’ha detto». Intanto Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, nel suo canale Telegram, attacca: la Russia è «in grado di raggiungere obiettivi in Europa e negli Stati Uniti molto più velocemente» di quanto la Nato possa colpire la Crimea. «I vari idioti in pensione vestiti da generali non hanno bisogno di spaventarci parlando di un attacco della Nato in Crimea».

Pronto poi una nuova stretta economica dalla Ue per la Russia. «Altre misure restrittive verranno adottate al più presto in coordinazione con i nostri partner». La decisione è stata adottata dal Consiglio degli affari esteri straordinario dell’Ue comunicata dall’Alto Rappresentante degli Affari Esteri, Josep Borrell. Il quale ha precisato che «continueremo ad aumentare il nostro supporto militare all’Ucraina e studieremo un nuovo pacchetto di sanzioni che prenda di mira settori dell’economia russa e una nuova lista di individui». Il nuovo pacchetto di sanzioni Ue contro la Russia annunciato da Borrell, e menzionato anche dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, dovrebbe essere presentato in modo informale agli ambasciatori dei Ventisette «entro il fine settimana» dal capo di gabinetto di von der Leyen, Bjoern Seibert. L’annuncio è atteso per l’inizio della prossima settimana, probabilmente martedì o mercoledì, e sarà discusso dai rappresentanti permanenti degli Stati membri nella riunione del Coreper di mercoledì.
22-09-2022

Linear
ARTICOLI CORRELATI
Putin: ŤOra mobilitazione parziale in Russiať
 
 
 
 
 

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy