METEO
BORSA
04/12/2022 23:03
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Zalando
Kiev senza la luce: «Chi può vada via»

Accuse ai russi: «Sparano a civili in fila per il pane a Kherson». Esplosione in un gasdotto vicino a San Pietroburgo. Mosca: «Prigionieri giustiziati, chiediamo indagine internazionale»

I cittadini ucraini dovrebbero prendere in considerazione l'idea di lasciare il Paese per ridurre la domanda sulla rete elettrica del Paese. A dirlo è il capo della più grande azienda energetica privata dell'Ucraina, Dtek: «Se riescono a trovare un posto alternativo dove stare per altri 3 o 4 mesi, sarà molto utile per il sistema». Se si consuma di meno, poi gli ospedali con i militari feriti avranno l'alimentazione garantita».

Intanto nel villaggio di Belozerka nella regione di Kherson, i soldati russi avrebbero sparato contro un punto di distribuzione di aiuti umanitari mentre veniva consegnato il pane ai cittadini. Cinque persone sono rimaste ferite. Lo ha riferito il vice capo dell'ufficio presidenziale Kirill Timoshenko, citato da Ukrainska Pravda. «I terroristi russi hanno sparato contro un punto umanitario durante la distribuzione del pane. Ô successo a Belozerka nella regione di Kherson. Cinque persone sono rimaste ferite». A sua volta, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, commentando un video che sembrerebbe mostrare i soldati ucraini «sparare senza pietà a prigionieri di guerra russi disarmati». «Chiediamo che le organizzazioni internazionali condannino e indaghino a fondo su questo crimine scioccante. Nessuna atrocità commessa dalle unità militari ucraine rimarrà impunita. Tutti i colpevoli e i loro complici saranno identificati e puniti di conseguenza. Nessuno sfuggirà alla punizione». E ancora: «Queste immagini scioccanti sono un'ulteriore prova dei crimini commessi dai neonazisti ucraini. L' Ucraina sta violando in modo flagrante il diritto internazionale umanitario, in particolare la Convenzione di Ginevra del 1949 relativa al trattamento dei prigionieri di guerra e le leggi internazionali sui diritti umani, incluso il Patto internazionale del 1966 sul Diritti civili e politici e la Convenzione del 1984 contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti». Il comitato investigativo russo ha avviato un procedimento penale per uccisione di massa di soldati russi da parte delle truppe ucraine.

Sul campo, un'esplosione si è verificata in un gasdotto nella regione di Leningrado, a pochi chilometri da San Pietroburgo, tra Berngardovka e Kovalevo, secondo il governatore Alexander Drozdenko, citato dall'agenzia di stampa statale russa Ria novosti. Drozdenko aggiunge che non c'è alcuna minaccia per la popolazione, nessuno è rimasto ferito, al momento si stanno accertando le cause dell'esplosione. La pressione sul gasdotto principale al momento è stata ridotta.

19-11-2022

Linear

Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy