METEO
BORSA
02/03/2024 15:13
Zalando
ESTERI
UTILITIES
Oroscopo del Giorno
Mappe
Treni: Orari e Pren.
Alitalia: Orari e Pren.
Meridiana: Orari e Pren.
Airone: Orari e Pren.
Calcolo Codice Fiscale
Calcolo ICI
Calcolo Interessi Legali
Calcolo Interessi di Mora
Verifica Partite IVA
Ricerca C.A.P.
Ricerca Raccomandate
Ricerca Uffici Giudiziari
Gazzetta Ufficiale
Nella notte attacco russo contro Zaporizhzhia

Mandato di cattura della Corte penale dell'Aia per Putin, Biden: «Giustificato, ha commesso crimini di guerra di cui rispondere». Truppe russe verso Bakhmut ma subiscono gravi perdite

Le forze russe hanno colpito nella notte la città di Zaporizhzhia, nell'Ucraina meridionale. A dirlo il sindaco, Anatolii Kurtiev, aggiungendo che nell'attacco è stato distrutto un ristorante e l'onda d'urto ha danneggiato alcuni condomini. Secondo l'Amministrazione militare della regione, sono stati usati missili S-300, come riporta il Kyiv Independent. Per ora non si registrano vittime o feriti.

Intanto la Russia ha utilizzato tutte le sue forze a Bakhmut nel tentativo di circondare completamente la città, secondo il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra dell'Ucraina, aggiungendo che sono in corso aspri combattimenti a Kreminna, Torske, Bilohorivka e Spirne negli oblast di Luhansk e Donetsk. I combattimenti - rende noto il quotidiano Kiyv Independent - sono in corso a nord, est e sud di Bakhmut, ha detto Syrskyi. Le truppe russe stanno subendo pesanti perdite e, in alcuni casi, si stanno ritirando senza aver ottenuto guadagni significativi. La battaglia di Bakhmut infuria da sette mesi e, nonostante i pesanti combattimenti, l'Ucraina continua a mantenere la città. Secondo lo Stato Maggiore ucraino, la Russia ha lanciato 19 attacchi aerei nell'ultimo giorno e ha effettuato 26 attacchi con sistemi missilistici a lancio multiplo. L'aeronautica ucraina ha effettuato sei attacchi aerei su aree di concentrazione di personale militare e armi russe, ha reso noto lo Stato Maggiore.

Vladimir Putin ha chiaramente commesso dei crimini di guerra: il mandato di arresto della Corte penale internazionale nei suoi confronti è giustificato. Così il presidente americano Joe Biden a proposito delle accuse di deportazione e trasferimento illegale dei bambini dalle zone occupate dell’Ucraina alla Russia per cui il presidente russo è accusato di crimine di guerra dalla Corte penale internazionale dell’Aia, con conseguente mandato di arresto a carico del leader del Cremlini. Commenta Zelensky: «Una decisione storica.
Il capo di uno stato terrorista e un altro funzionario russo sono diventati ufficialmente sospettati di un crimine di guerra, per la deportazione di bambini ucraini». Replica Mosca: «Un provvedimento oltraggioso e inaccettabile, non ha alcun valore». Intervistato dalla Bbc, il procuratore dell'Aia Karim Khan, ha spiegato: «Chi ritiene di poter commettere un delitto di giorno, e dormire bene la notte, dovrebbe forse guardare alla storia. Nessuno pensava che Milosevic sarebbe finito all’Aia». Secondo la Corte penale internazionale, «i crimini sarebbero stati commessi nel territorio occupato dell’Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022. Vi sono fondati motivi per ritenere che Putin abbia responsabilità penali individuali per questi crimini, per avere commesso gli atti direttamente o per interposta persona, e per il suo mancato controllo sui subordinati civili e militari».
18-03-2023


Copyright 2006 © Cookie Policy e Privacy